La linea sottile e il dovere di ricordare

Luca Pagliari* La linea sottile è quella che separa il pensiero dall’azione. Prima della ...

Luca

Pagliari*

La linea sottile è quella che separa il pensiero dall’azione. Prima della notte dell’8 dicembre del 2018, quella linea nessuno aveva mai pensato di varcarla. La linea sottile è anche il titolo del documentario che ho realizzato in collaborazione con la Fondazione LHS, organizzazione no profit che ha come primo obiettivo la promozione di una cultura della sicurezza. Lo hanno già visto migliaia di studenti ed è incredibile il silenzio a cui si aggrappano in quei 37 minuti di narrazione. A ogni proiezione si compie il miracolo del grande schermo che sconfigge la potenza ipnotica degli smartphone che finiscono relegati negli zaini. Perché? Non lo so. Azzardo un’ipotesi. Forse perché non si tratta di un lavoro che viaggia alla ricerca del pietismo cavalcando la retorica. Tutt’altro. L’obiettivo è raccontare, e lo facciamo assieme a molti ragazzi che quella sera erano all’interno di quella pseudo discoteca, quanto sia necessario costruire una società in grado di alzare lo sguardo verso l’altro. ’La linea sottile. Doveva essere una festa’ vuole essere portatore attivo di un cambiamento, stimolare un pensiero critico, rendere ogni studente seduto in platea consapevole delle proprie responsabilità nei confronti della sua e delle vite altrui. A tradirli è stato il mondo adulto che in teoria li dovrebbe proteggere e consigliare. Al termine di ogni proiezione sono sempre tanti quelli che ci lasciano un messaggio, che ci raccontano la loro solitudine, lo smarrimento di fronte a un mondo distratto e cinico. Nel documentario parlano anche gli amici di Daniele Pongetti, una delle vittime di quella notte. Sua mamma Donatella. Il 19 dicembre al Teatro della Fortuna di Fano saranno centinaia gli studenti che assisteranno alla proiezione, voluta dall’ufficio del garante dell’Infanzia delle Marche. Un’altra preziosa occasione per seminare consapevolezza e rispetto per la vita.

*autore del documentario ’La linea sottile’