Lunedì 24 Giugno 2024

Imputati claustrofobici, salta l’udienza "Ma la sera del delitto erano su una Smart"

Migration

Gli autori dell’omicidio di Luca Sacchi soffrono di claustrofobia, si rifiutano di salire a bordo della camionetta della Penitenziaria e l’udienza di appello salta. La corte d’Assise d’Appello di Roma, su richieste delle difese di Valerio Del Grosso (reo confesso) e Paolo Pirino, ha deciso di aggiornare il procedimento. Una iniziativa che ha scatenato la reazione del padre di Sacchi, Alfonso (foto) per il quale i due imputati lamentano di non potere essere trasferiti in tribunale ma il giorno dell’omicidio, il 23 ottobre del 2019, erano "in due a bordo di una Smart". "È un’ agonia essere qui e qui si parla di cavilli – ha detto il papà del personal trainer ucciso con un colpo di pistola alla testa –. Quando hanno ucciso mio figlio quei due erano in una Smart che è molto più piccola di un camionetta". I giudici hanno fissato una nuova udienza al prossimo 23 febbraio.