Giovedì 20 Giugno 2024

"Ho tenuto Romina sott’acqua con le mie mani"

L’auto lanciata nell’Adda la sera del 19 aprile. Quando lei tentò di uscire. il compagno glielo impedì

Migration

BERGAMO

Romina Vento è morta per annegamento. Lo ha confermato l’autopsia, eseguita sul corpo della 44enne morta nell’Adda lo scorso 19 aprile, dopo essere finita nel fiume a bordo dell’auto guidata dal convivente Carlo Fumagalli, 49 anni. Fumagalli aveva già confessato di averla annegata spingendole la testa sott’acqua, a Fara Gera d’Adda, dove vivevano con i due figli: "L’ho annegata con le mie mani".

L’omicidio al culmine di una lite, scoppiata mentre viaggiavano sulla Megane, guidata dall’uomo che lavora come operaio a Vaprio d’Adda (Milano). Romina voleva lasciarlo. Fumagalli incensurato, padre di un terzo figlio avuto 29 anni fa da una prima relazione, ha diretto l’auto a tutta velocità verso l’Adda e ci è finito dentro. L’acqua era bassa e nessuno dei due è morto nell’impatto. La donna ha aperto la portiera e si è messa a gridare. A quel punto l’uomo, ora ricoverato in psichiatria per aver minacciato il suicidio, le ha tenuto la testa sott’acqua, annegandola. Fumagalli è scappato a nuoto, uscendo dal fiume sulla sponda milanese dov’è stato rintracciato, in stato confusionale, tre ore più tardi.

red. int.