Giovedì 20 Giugno 2024

Falciò e uccise Rebellin, ictus per il camionista. Rimandata l’udienza

Il camionista tedesco Wolfgang Rieke, coinvolto nell'incidente mortale con il ciclista Davide Rebellin, è in gravi condizioni. La prima udienza è rinviata a giugno per valutare la sua salute e proseguire il processo.

Falciò e uccise Rebellin, ictus per il camionista. Rimandata l’udienza

Falciò e uccise Rebellin, ictus per il camionista. Rimandata l’udienza

Sono gravi le condizioni del camionista tedesco Wolfgang Rieke, che il 30 novembre 2022 col tir travolse e uccise il campione di ciclismo Davide Rebellin (foto) in una rotatoria a Montebello Vicentino (Vicenza). E così la prima udienza dibattimentale, che dove tenersi ieri in tribunale a Vicenza, per discutere le perizie sulla tragedia, è stata rinviata per legittimo impedimento a fine giugno, in attesa di capire lo stato di salute dell’imputato e come fare per proseguire il processo per omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga. Il 64enne è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di neurologia dell’ospedale Cà Foncello di Treviso; il malore lo ha colpito in un bar giovedì scorso, nell’ora di permesso che gli è concessa ai domiciliari, misura che sta scontando in un appartamento del Trevigiano in attesa della conclusione del processo. L’11 marzo scorso il giudice aveva rigettato il patteggiamento (3 anni e 11 mesi) avanzato dai legali di Rieke, Enrico Ambrosetti e Andrea Nardin. Una richiesta definita inammissibile.