Emanuela Perinetti “lottava contro l’anoressia”. Il padre Giorgio: “Mi chiedo come sia possibile spegnersi così”

Lo strazio confidato alla Gazzetta. Oggi i funerali a Milano. Primogenita del dg dell’Avellino, era una stimatissima influencer e si occupava di marketing sportivo

Emanuela Perinetti, figlia di Giorgio, è morta a 34 anni. Il padre ha confidato alla Gazzetta: "Da tempo lottava contro l'anoressia"

Emanuela Perinetti, figlia di Giorgio, è morta a 34 anni. Il padre ha confidato alla Gazzetta: "Da tempo lottava contro l'anoressia"

Milano, 1 dicembre 2023 - Oggi Milano dirà addio a Emanuela Perinetti, che aveva solo 34 anni, era una donna di successo, influencer esperta di markenting sportivo, ma “da tempo stava lottando contro l’anoressia”, come ha confidato il padre Giorgio, decano dei direttori sportivi italiani, alla Gazzetta dello Sport. Brillante e stimata, di lei resta quell’immagine tenerissima, bambina tifosa della Roma – dove il papà, oggi all’Avellino, allora era dirigente  – in viaggio con la squadra, seduta sulle ginocchia dei campioni, nomi come Aldair. 

Approfondisci:

Anoressia e bulimia si combattono anche in cucina. Dalla ‘pasta che non ingrassa’ ai maestri cioccolatieri: ecco la ricetta degli chef

Anoressia e bulimia si combattono anche in cucina. Dalla ‘pasta che non ingrassa’ ai maestri cioccolatieri: ecco la ricetta degli chef

I funerali di Emanuela Perinetti

I funerali di Emanuela Perinetti si terranno oggi alle 14.45 nella basilica di Sant’Eustorgio. Nel 2015 era morta la mamma Daniela, stroncata da un tumore al seno. “L’altro giorno, quando mi ha detto che aveva ‘parlato’ con lei, ho capito che non c’era più nulla da fare”, è straziato il papà nel colloquio con la Gazzetta. Poi, smarrito: “Mi chiedo come sia possibile spegnersi così, senza nessun problema economico, professionale o sentimentale”.

Gli studi e la carriera di Emanuela Perinetti

Emanuela Perinetti si era laureata alla Luiss in Innovation management e si era trasferita a Milano dopo un master a Seul.

Primogenita di Giorgio, una decina di giorni fa era attesa a Roma per la partita della Nazionale ma aveva disertato. Era stata ricoverata all’ospedale dopo una caduta in casa, troppo debole ormai il suo fisico. Restano le immagini del suo sorriso luminoso: ma oggi è il tempo delle lacrime.