Censis, cervelli in fuga. In un anno 36mila giovani hanno lasciato l’Italia

E’ quanto emerge dal 56° Rapporto. Gli expat rientrano nella fascia dai 18 ai 34 anni. In dieci anni il numero degli italiani residenti all’estero ha registrato un incremento del 36,7%. Flessione demografica, Censis: “4,5 milioni di italiani in meno nel 2050”

Roma, 1 dicembre 2023 – Sono oltre 36mila i cervelli in fuga dal nostro Paese in un solo anno. E’ quanto emerge dal 56° Rapporto Censis sulla situazione sociale dell’Italia. Un dato che conferma che il nostro è un paese di emigrazione  (sono più di 5,9 milioni gli italiani attualmente residenti all'estero) più che di immigrazione (sono 5 milioni gli stranieri residenti nel nostro Paese). I 5.933.418 italiani residenti all'estero (pari al 10,1% dei residenti in Italia) hanno registrato un incremento del 36,7% negli ultimi dieci anni (ovvero quasi 1,6 milioni in più).

Al contempo, sempre secondo Censis, a casa della flessione demografica nel 2050, tra meno di trent’anni, l’Italia avrà perso complessivamente 4,5 milioni di residenti, come se le due più grandi città, Roma e Milano, scomparissero. Continua l’inverno demografico, per Censis: “Nel 2040 solo una coppia su quattro avrà figli”. “Ciechi dinanzi ai presagi  – viene sottolineato nello studio –. Alcuni processi economici e sociali largamente prevedibili nei loro effetti sembrano rimossi dall'agenda collettiva del Paese, o sono comunque sottovalutati”.

In un anno oltre 36mila giovani si sono trasferiti all'estero
In un anno oltre 36mila giovani si sono trasferiti all'estero

Chi emigra all’estero 

A caratterizzare i flussi centrifughi più recenti è l'aumento significativo della componente giovanile. Nell'ultimo anno le iscrizioni all'Aire per espatrio sono state 82.014, di cui il 44,0% (la quota più elevata tra le classi di età considerate) da parte di italiani tra i 18 e i 34 anni, per un totale di 36.125 giovani che hanno scelto di cercare altrove la propria strada, definitivamente o per un periodo transitorio. 

Famiglie con minori

Se si aggiungono anche i minori al seguito delle loro famiglie (13.447), l'espatrio delle nuove generazioni di italiani ha sfiorato nell'ultimo anno le 50mila, il 60,4% di tutti gli iscritti per espatrio.

I laureati 

Anche il peso dei laureati sugli expat 25-34enni è aumentato significativamente, passando dal 33,3% del 2018 al 45,7% del 2021.

Mete predilette 

Le mete predilette rimangono il Regno Unito (il 16,4% delle partenze dell'ultimo anno), poi Germania (13,8%), Francia (10,4%) e Svizzera (9,1%).

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn Clicca Qui