Martedì 28 Maggio 2024

Canfora rinviato a giudizio: “Diffamò Meloni”. Cosa aveva detto lo storico

I fatti si riferiscono al 2022, quando Meloni era parlamentare dell’opposizione. Il processo inizierà il 7 ottobre. Le parole dell’avvocato difensore del filologo

Luciano Canfora è stato rinviato a giudizio per diffamazione verso Giorgia Meloni

Luciano Canfora è stato rinviato a giudizio per diffamazione verso Giorgia Meloni

Bari, 16 aprile 2024 – Luciano Canfora è stato rinviato a giudizio per diffamazione verso la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.

I fatti risalgono all’11 aprile 2022, quando Meloni era parlamentare dell’opposizione e il presidente del Consiglio in carica era Mario Draghi. Canfora, invitato a parlare nel liceo scientifico ‘Enrico Fermi’ di Bari nell’ambito di un incontro sul conflitto russo-ucraino, definì Meloni “neonazista nell’anima", “una poveretta”, “trattata come una mentecatta pericolosissima”. Il processo comincerà il 7 ottobre dinanzi al giudice monocratico Pasquale Santoro.

Le parole del difensore di Canfora

Come ha spiegato ai giornalisti l’avvocato difensore dello storico, Michele Laforgia, il giudice “ha rilevato che è necessario fare una approfondita integrazione probatoria incompatibile con l’udienza predibattimentale, ha disposto il rinvio del giudizio davanti al giudice del dibattimento che è il dottor Santoro per l’udienza del 7 ottobre”.

La premier ha chiesto a Canfora un risarcimento dei danni di 20mila euro. 

Chi è Luciano Canfora

Canfora, professore di filologia greca e latina nell’università di Bari dal 1975, ha insegnato anche papirologia, letteratura latina, storia greca e romana. Autore di saggi di storia antica e contemporanea, per anni è stato iscritto al Partito comunista italiano e ha poi aderito a Rifondazione comunista.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn