Giovedì 23 Maggio 2024

Crolla viadotto sulla Sila Mare: “Poteva essere un altro Morandi”

Il ponte in Calabria era stato chiuso da Anas. Il presidente Occhiuto: “Costruito solo 9 anni fa, abbiamo rischiato una tragedia come a Genova”

Il crollo del viadotto sulla Sila Mare in Calabria

Il crollo del viadotto sulla Sila Mare in Calabria

Cosenza, 3 maggio 2023 – Crollo di un viadotto sulla Sila Mare: era stato chiuso da Anas poco prima e solo per questo “si è evitata una tragedia”, come ha postato su Facebook il presidente della Calabria, Roberto Occhiuto. 

Perché il ponte è crollato

Il ponte si trova sulla Ss 177, nel Comune di Longobucco (Cs), ed è crollato a causa della piena del fiume Trionto. La strada era stata chiusa mezz’ora prima dall’Anas per una frana, in entrambe le direzioni. Il

viadotto era stato inaugurato 9 anni fa.

Il video del crollo

"Poteva essere una tragedia”

"Poteva essere una tragedia”, titola il suo post su Facebook il presidente della Regione Roberto Occhiuto. E chiede di accertare eventuali responsabilità.  Poi mostra sul cellulare il video del crollo, che circola ovunque in rete. “Immagini incredibili”, le definisce il presidente della Regione. E spiega: “Si tratta di un ponte costruito solo nove anni, fa sono immagini che ricordano il ponte di Genova, il ponte Morandi. Sapete perché non ci sono state vittime? Perché Anas ha chiuso questo tratto di strada. E quindi ha impedito che passassero mezzi di cantiere e automobili. Altrimenti oggi commenteremmo una tragedia. Ho chiamato l’amministratore delegato di Anas, mi sono compiaciuto per questa scelta. Domani sarò sul posto. Se ci sono responsabilità devono essere accertate perché nel 2023 un ponte costruito solo nove anni prima non può cadere in questo modo”.