Giovedì 18 Aprile 2024

Banco Alimentare, Mutti e Rummo insieme per Pasqua: ecco la ‘pasta al sugo’ (per 400mila persone)

Raddoppiata la quantità degli alimenti donati dalle due aziende leader del settore alimentare. Istat: in Italia 5,7 milioni di poveri assoluti

Mutti e Rummo per il Banco alimentare: la sorpresa di Pasqua

Mutti e Rummo per il Banco alimentare: la sorpresa di Pasqua

Roma, 27 marzo 2024 - “Hai mangiato oggi?”, chiede lo spot del Banco Alimentare. Che come sempre, dà una risposta passando all’azione. Quest’anno tornano a scendere in campo le aziende Mutti e Rummo, leader nel settore agroalimentare, che rinnovano l’iniziativa a supporto dell’azione di Banco Alimentare in Emilia Romagna e in Lombardia.

Pasta al sugo per Pasqua

Saranno donate 40 tonnellate di pasta Rummo e 40 tonnellate di sughi Mutti, l’equivalente di 400mila pasti caldi. Il cibo sarà offerto nella settimana di Pasqua a 60.000 persone in difficoltà attraverso strutture caritative residenziali e mense convenzionate con Banco Alimentare dell’Emilia Romagna e Banco Alimentare della Lombardia. È un progetto concreto, dall’importante impatto sociale, che entrambe le aziende hanno scelto con entusiasmo di sostenere, raddoppiando le quantità di alimenti donati rispetto allo scorso anno, per far fronte alla continua emergenza alimentare dovuta alla diminuzione della capacità di spesa e al conseguente incremento della povertà.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

Quanto pesa la povertà

L’Istat ci ha appena ricordato statistiche choc sulla povertà: quella assoluta riguarda oltre 2 milioni 234mila famiglie, per un totale di circa 5 milioni 752mila individui in povertà assoluta. Sono indicate come assolutamente povere le famiglie con una spesa mensile pari o inferiore a una soglia minima corrispondente all’acquisto di un paniere di beni e servizi considerato essenziale a garantire uno standard di vita minimamente accettabile e a evitare gravi forme di esclusione sociale. Nel Nord, dove le persone povere sono quasi 136mila in più rispetto al 2022, l’incidenza della povertà assoluta a livello familiare è sostanzialmente stabile (8,0%), mentre si osserva una crescita dell’incidenza individuale (9,0%, dall’8,5% del 2022). Il Mezzogiorno mostra anch’esso valori stabili e più elevati delle altre ripartizioni (10,3%, dal 10,7 del 2022), anche a livello individuale (12,1%, dal 12,7% del 2022).

I numeri del Banco alimentare

Nel 2023 Banco Alimentare Emilia Romagna e Banco Alimentare della Lombardia hanno assistito 346.579 persone e tuttora la situazione rimane delicata. “Desideriamo ringraziare Mutti e Rummo per aver voluto essere con noi anche quest’anno con un’importante donazione di prodotto - commentano Dario Boggio Marzet, presidente di Banco Alimentare della Lombardia e Stefano Dalmonte, presidente di Banco Alimentare Emilia Romagna. Grazie al loro sostegno possiamo distribuire in quantità considerevoli un alimento sano e gustoso, che sta alla base della dieta mediterranea, che oggi è particolarmente difficile recuperare dalla filiera a causa dell’aumento dei costi e della conseguente riduzione delle disponibilità. Un chiaro esempio di partnership virtuosa tra profit e non profit in una ricorrenza speciale e nell’attenzione alle persone in difficoltà”. L’impegno di Mutti e Rummo, anche in questa particolare occasione, si inserisce in una collaborazione più ampia con Banco Alimentare a sostegno delle persone in difficoltà, a cui vengono conferite continuativamente le eccedenze di produzione.

Le parole di Mutti e Rummo

“Siamo orgogliosi di confermare, anche quest’anno, il nostro supporto a questa iniziativa speciale che, in occasione della Pasqua, mira a dare un aiuto concreto a coloro che si rivolgono al Banco Alimentare e che s’inserisce in una collaborazione continuativa tra Mutti e il Banco che dura da oltre 10 anni – dichiara Francesco Mutti, amministratore delegato di Mutti -. Grazie a questa sinergia tra aziende e associazione, desideriamo portare gusto, qualità e valore alla comunità e al territorio, insieme ai nostri più sinceri auguri di serene festività”.

“Siamo felici di aver dato il nostro contributo per quest’attività – dichiara Antonio Rummo, vicepresidente e direttore generale International Sales di Rummo -. La responsabilità sociale è un tema da noi molto sentito: è un modo di restituire alla comunità l’affetto che riceviamo dai tanti consumatori che tutti i giorni scelgono Rummo come propria pasta. Abbiamo ricevuto in prima persona una fortissima dimostrazione di solidarietà ai tempi dell’alluvione e poterla ricambiare, come in questo caso anche attraverso la donazione di un piatto di pasta a chi ne ha più bisogno, è per noi fondamentale”.