Mercoledì 22 Maggio 2024

Adesivi e cori antisemiti. La comunità ebraica chiede lo stop del calcio

La Comunità Ebraica di Roma chiede di fermare le partite di calcio per isolare i tifosi che diffondono contenuti antisemiti. Scandalo per adesivi raffiguranti Mr Enrich nel lager di Auschwitz con Hitler e Mussolini. Autorità e Coni condannano fermamente. Nuovo coro omofobo e antisemita circola su Instagram.

Adesivi e cori antisemiti. La comunità ebraica chiede lo stop del calcio

Adesivi e cori antisemiti. La comunità ebraica chiede lo stop del calcio

Fermare le partite di calcio: così saranno i tifosi sani a ribellarsi e a isolare le frange che diffondono tra curve e città contenuti antisemiti collegati al mondo del pallone. L’appello arriva dalla Comunità Ebraica di Roma, dopo l’ennesimo scandaloso episodio. Questa volta si tratta di alcuni adesivi che raffigurano Mr Enrich, simbolo degli ultras della Lazio, che viene accompagnato, con il pigiama a righe, nel lager di Auschwitz da Hitler e Mussolini che invece indossano una maglia della Roma. Una vergogna che richiama alla mente le immagini di Anna Frank in maglia romanista, realizzate invece qualche tempo fa dalla tifoseria opposta.

Adesso basta, ha sbottato Daniele Massimo Regard, assessore alla Memoria della Comunità romana, servono "misure più drastiche". Alle società si rivolge anche il sindaco Roberto Gualtieri: "Nessuna sottovalutazione o indulgenza". Giovanni Malagò, presidente del Coni, è senza parole: "Disarmante"". Circola su Instagram anche un nuovo coro omofobo e antisemita di alcuni tifosi della Roma: al tifoso laziale, sulle note di una famosa canzone di Annalisa (madrina del prossimo Pride romano).