Domenica 16 Giugno 2024

Accoltellata nel sonno Era in casa della madre Ammazzata dal cognato

Il delitto all’alba a Giarratana, nel Ragusano. La vittima aveva 52 anni. La donna accudiva la mamma inferma. Resta oscuro il movente dell’omicidio

Migration

GIARRATANA (Ragusa)

Un gesto dettato forse dalla depressione, di cui sarebbe stato vittima dopo essere andato in pensione, anche se non esiste un certificato medico che l’attesti. È uno dei possibili moventi del delitto di Rosalba dell’Albani, 52 anni, assassinata con un coltello mentre dormiva accanto alla madre, costretta a letto, a Giarratana, nel Ragusano. Ad ucciderla il cognato, Mariano Barresi, 66 anni, operaio in pensione. La tesi si intravede a conclusione dell’interrogatorio dell’indagato, nella caserma dei carabinieri del comando provinciale di Ragusa, davanti al procuratore Fabio D’Anna e al sostituto Emanuele Ferdinando Vadalà, ai quali confessato l’omicidio. Alla presenza del difensore d’ufficio, l’avvocato Sergio Crisanti, ha detto di sentirsi depresso negli ultimi tempi dopo essere andato in pensione due anni fa. Ma, sostiene, di non sapere perché ha ucciso visto che, aggiunge, non c’erano contrasti con la cognata. Il suo sarebbe stato un omicidio senza movente, inspiegabile. Ai carabinieri che lo prendono in consegna dice di "avere fatto una fesseria".

Una versione che in parte trova riscontro nelle prime fasi delle indagini e tra le dichiarazioni dei parenti della vittima che escludono contrasti familiari pregressi. Saranno le indagini e gli approfondimenti investigativi a cercare di chiarire il movente. La vittima è stata assassinata accanto alla madre, in un lettino vicino al suo dove dormiva per assisterla di notte.

L’omicidio è stato commesso in una palazzina a due piani abitata da due sorelle della 52enne e dalla madre, che viveva al piano terra. Il cognato stava al secondo piano. Secondo una prima ricostruzione, Barresi sarebbe uscito dalla sua abitazione, al secondo piano, armato con un coltello da cucina. Sarebbe sceso a piano terra e avrebbe ucciso la cognata. Poi è salito al primo piano avvisando l’altra cognata di avere ucciso Rosalba ed è tornato a casa sua, dove lo hanno trovato i carabinieri avvertiti dalla telefonata di un familiare. La vittima lascia il marito, un brigadiere dei carabinieri in servizio a Ragusa, e tre figli: uno è carabiniere in Calabria, un altro militare a Trapani e un terzo studia ancora. La sua famiglia abita in una villetta di Giarratana. "Era una persona perbene, tranquilla – la ricorda un’amica –, pregava sempre per la madre che era costretta a letto per una malattia, aveva dedicato la sua vita a lei". Il sindaco di Giarratana, Lino Giaquinta, parla di "tragedia senza senso e senza alcuna motivazione", di una comunità "sconvolta" e annuncia "una fiaccolata con la parrocchia per essere vicini alla famiglia" e "la proclamazione del lutto cittadino il giorno del funerale".

Marco Principini