Martedì 18 Giugno 2024

A 14 anni in Spagna si potrà cambiare sesso all’Anagrafe

Migration

È giorno di festa in Spagna per il mondo Lgbti+. I collettivi celebrano un nuovo "passo avanti storico" in termini di diritti civili, sancito dall’approvazione nel Congresso dei deputati di una legge che riconosce, tra altre misure e tutele, la "libera autodeterminazione" delle persone transgender a partire dai 14 anni (dai 16 senza consenso genitoriale): in altre parole, la possibilità di cambiare il sesso all’anagrafe senza autorizzazione giudiziaria o referti medici. Per l’entrata in vigore della norma, elaborata nel corso di un lungo e tortuoso percorso preparatorio non esente da aspre polemiche, ora manca solo l’ok del Senato. Sostenuta da 188 voti favorevoli su 350, la nuova legge spagnola è volta a dare risposta a diverse delle rivendicazioni storiche di questo collettivo, così come a migliorare, più in generale, la capacità di tutela da parte dello Stato per le persone Lgbti+ dalle discriminazioni a cui possono essere soggette.

Nella foto: il premier spagnolo Pedro Sanchez