Mercoledì 12 Giugno 2024
RITA BARTOLOMEI
Archivio

Stufe a legna e caminetti, i modelli per il conto termico e i consigli degli spazzacamini

Come ottenere gli incentivi e come organizzare legnaia (e casa)

Roma, 26 ottobre 2022 - Stufe a legna, caminetti e incentivi 2022: ecco i modelli che danno diritto al conto termico (fonte Gse) e come si deve approntare il progetto con i consigli di Sandro Bani, presidente dell'Anfus (Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini) di Folzano (Brescia).

Leggi anche: Bonus stufe a legna e caldaie a pellet 2022: la guida agli incentivi per non sbagliare

Leggi anche: Luce e gas, è boom di liti sulle bollette. Ecco come si attiva la conciliazione

A questo link del Gse (Gestore servizi energetici) i modelli di stufe e caminetti per ottenere il conto termico 2022 

"Consegne all'anno prossimo"

La premessa del presidente Bani è purtroppo una sintesi nota: la consegna dei modelli che garantiscono il conto termico, quindi a 4 o 5 stelle,  è rinviata "alla primavera dell'anno prossimo".

In coda per lo spazzacamino

Racconta il numero uno dell'Anfus: I colleghi sono più che mai oberati di lavoro. Una condizione abbastanza consueta in questo periodo. Ma aggravata dalla situazione internazionale che provoca nei cittadini un'ansia generale, nel tentativo di risolvere il problema. Quando l'ansia si sarà placata, torneremo ad affrontare il tema principale che è quello ambientale, senza avere la frenesia attuale.

Stufe, caminetti e ambiente

"Tutte le combustioni producono emissioni in atmosfera - mette in chiaro Bani -. L'obiettivo non è arrivare a zero inquinamento ma ridurlo. Ovvio che la tecnologia porta a migliorare i prodotti di continuo. Bisogna essere al passo con i tempi ma l'apparecchio non basta. Serve una visione generale della filiera. Bisogna partire dalla legna e arrivare allo spazzacamino".

Legna da ardere, gli errori da evitare

Le raccomandazioni base partono dunque dal combustibile. Perché "se la legna è umida, scalda poco e inquina molto. Basta dotarsi di uno strumento per misurare l'umidità, perché se supera il 40% avrò la metà dei kilowattora rispetto a quelli garantiti da una legna stagionata".

Come tenere la legna

La legna, spiega il presidente dell'associazione soazzacamini, "va tenuta coperta all'aperto, benissimo sotto un portico ma non in garage. Perché se il locale non è areato i problemi sono tanti, dal rischio incendio alla muffa.

La casa

Altro elemento fondamentale della filiera è l'edificio, "inutile mettere un impianto potente per scaldare una casa colabrodo, bisogna farla diventare più performante. E poi il progetto deve essere adeguato alla famiglia e alle sue abitudini. Dipende sempre da quante ore si vive la casa".

Stufe a legna e caminetti: ecco i modelli che danno diritto al conto termico
Stufe a legna e caminetti: ecco i modelli che danno diritto al conto termico