Giovedì 13 Giugno 2024
DORIANO RABOTTI
Archivio

"Massa fu derubato del mondiale nel 2008"

Dopo tanto tempo, Ecclestone ammette: "Dovevamo annullare la gara di Singapore e Felipe avrebbe avuto il titolo che meritava"

Migration

di Doriano Rabotti

"Massa è stato derubato del mondiale 2008". Bum.

Se a dire una cosa del genere è Bernie Ecclestone, ex boss della F1, è chiaro che la cosa diventa abbastanza clamorosa. E anche se Ecclestone ha la sua età, 92 anni, ed è fuori dai giochi della Formula 1 dopo averla passata qualche anno fa a Liberty Media per poco meno di una trentina di milioni di dollari, leggere quello che ha dichiarato al sito tedesco F1-insider fa venire voglia di schiacciare il tasto ’refresh’: ma davvero ha detto così?

Sì, Ecclestone ha detto che nel 2008 Felipe Massa perse ingiustamente il mondiale a vantaggio di Hamilton per il mancato intervento di chi doveva prendere provvedimenti dopo il “Crashgate” del gp di Singapore.

Per chi non ricordasse i fatti: sul circuito di Marina Bay, la gara fu vinta dalla Renault di Fernando Alonso, che fu avvantaggiato dall’incidente volontario del compagno di squadra Nelson Piquet Jr. La FIA aprì un’inchiesta, al termine della quale fu radiato Flavio Briatore, team principal della Renault, e fu squalificato per 5 anni il tecnico Pat Symonds. Nessuna sanzione per Alonso e Piquet Jr, che era stato licenziato da Briatore nel 2009 e poi confermò di essere stato invitato dal muretto a creare l’incidente.

Ieri a distanza di 15 anni Ecclestone ha detto: "Decidemmo di non fare nulla, volevamo proteggere lo sport da un enorme scandalo. Convinsi Nelson Piquet senior, un mio ex-pilota in passato, a tacere per il momento. All’epoca vigeva la regola che la classifica di un campionato del mondo era intoccabile dopo la cerimonia di premiazione della FIA, Hamilton ricevette la coppa ed andò tutto bene. Avremmo dovuto cancellare la gara di Singapore, che non sarebbe stata valida per la classifica del campionato – ha detto Ecclestone –. Felipe Massa sarebbe diventato campione del mondo, non Lewis Hamilton. Oggi mi dispiace ancora per Massa, è stato defraudato del titolo che meritava, mentre Hamilton ha avuto tutta la fortuna del mondo e ha vinto il suo primo campionato. Oggi avrei fatto le cose in modo diverso".

Forse era meglio non dirlo, tanto nessuno ridarà quel mondiale al povero Felipe.