I londinesi e il cancro di Re Carlo: "Speriamo l'abbiano preso in tempo"