Trump, Bannon, Miller e Kushner al governo

Axios fa circolare un totonomi di una possibile futura amministrazione Trump, con Steve Bannon come chief of staff, Stephen Miller come attorney general e Jared Kushner come segretario di stato. Lealtà e impegno ad estendere i confini della legge sono i requisiti fondamentali.

'Con Trump presidente, al governo Bannon, Miller e Kushner'

'Con Trump presidente, al governo Bannon, Miller e Kushner'

L'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon come capo di gabinetto, Stephen Miller come procuratore generale, Jared Kushner come segretario di Stato: Axios fa circolare il primo totonomi di una possibile futura amministrazione Trump, citando fonti vicine al tycoon. I requisiti fondamentali saranno una lealtà accertata e l'impegno ad estendere i confini della legge e della governance. In lizza come vicepresidenti ci sarebbero il deputato J.D. Vance, autore di "Hillbilly Elegy" ed esponente di punta del movimento trumpiano MAGA, l'ex portavoce della Casa Bianca ed ora governatrice dell'Arkansas Sarah Huckabee Sanders, la candidata al Senato in Arizona Kari Lake (una negazionista del risultato delle elezioni 2020) e la governatrice del South Dakota Kristi Noem. Ma l'ex first lady insisterebbe per l'ex anchor di Fox News Tucker Carlson, anche se secondo l'entourage di Trump lui non sceglierebbe mai una persona che possa fargli ombra. Miller potrebbe essere ministro della Giustizia o avere un ruolo a livello ministeriale per plasmare la politica migratoria anche nel secondo mandato, come ha fatto nel primo come consigliere dietro le quinte. L'ex consigliere del Pentagono Kash Patel, distintosi nella guerra trumpiana contro la comunità dell'intelligence, sarebbe considerato per un ruolo nella sicurezza nazionale, potenzialmente anche alla guida della CIA. Per il Pentagono in corsa il senatore Tom Cotton, un ex ufficiale di fanteria che scrisse sul New York Times un intervento a sostegno del ricorso dell'Insurrection Act per schierare l'esercito contro i disordini civili. In pista anche l'ex deputato Lee Zeldin, un ex parà inviato in Iraq. Il genero di Trump, Jared Kushner, già consigliere presidenziale nel primo mandato del tycoon, finora ha mantenuto le distanze dalla campagna del suocero ma potrebbe tornare alla Casa Bianca come capo della diplomazia, mantenendo il suo focus sul Medio Oriente.