Venerdì 21 Giugno 2024

Tienanmen, Taiwan: le azioni di Pechino non vengono dimenticate

"Il 4 giugno del 1989 non sparirà nel torrente della storia"

Tienanmen, Taiwan: le azioni di Pechino non vengono dimenticate

Tienanmen, Taiwan: le azioni di Pechino non vengono dimenticate

La repressione di piazza Tienanmen a Pechino da parte del governo cinese non scomparirà "nel torrente della storia", ha detto oggi il nuovo presidente taiwanese Lai Ching-te in occasione del 35mo anniversario dell'evento. "I ricordi del 4 giugno non scompariranno nel torrente della storia e continueremo a lavorare duramente per mantenere viva questa memoria storica" per "tutti coloro che tengono alla democrazia cinese", ha scritto Lai su Facebook. "Poiché questo ricorda che la democrazia e la libertà non sono facili da raggiungere, dobbiamo rispondere all'autocrazia con la libertà e affrontare l'ascesa dell'autoritarismo con coraggio", ha aggiunto il leader taiwanese. Il 4 giugno del 1989 la Cina inviò truppe e carri armati contro i manifestanti pacifici e pro-democrazia nella piazza centrale di Pechino per porre fine a settimane di proteste che chiedevano un cambiamento politico. Centinaia di persone, anche più di mille secondo alcune stime, furono uccise. L'argomento è particolarmente delicato per i leader comunisti cinesi e ogni menzione della repressione è severamente censurata nel Paese asiatico. Molti giovani cinesi oggi non sono consapevoli di questa parte della storia cinese a causa di tale censura. A Taipei una veglia annuale è prevista per oggi alle 18:40 ora locale al memoriale di Chiang Kai-shek. La Cina ritiene che Taiwan sia una delle sue province, che non è ancora riuscita a riunificare nel suo territorio dopo la fine della guerra civile e l'avvento al potere dei comunisti a Pechino nel 1949. La Cina ha accusato Lai di spingere l'isola verso la "guerra", accusandolo di essere un "pericoloso separatista".