Roma-Parigi-Berlino, agire in Mar Rosso, situazione grave

Il documento al Cae, 'usare strutture della missione Agenor'

Roma-Parigi-Berlino, agire in Mar Rosso, situazione grave
Roma-Parigi-Berlino, agire in Mar Rosso, situazione grave

"Data la gravità della situazione attuale e i nostri interessi geostrategici, è importante che l'Ue dimostri la sua volontà e le sue capacità di agire come attore di sicurezza globale, anche nel settore marittimo". Lo scrivono Italia, Francia e Germania in un documento che presenteranno al Consiglio Affari Esteri di questa mattina e nel quale tornano sulla missione navale Ue nel Mar Rosso. "La missione sarà in linea con la Convenzione Onu sul diritti del mare e sarà difensiva", si legge nel testo, che sottolinea "l'importanza di usare le strutture e le capacità già esistenti" della missione Emasoh/Agenor, nello stretto di Hormuz. "Le continue tensioni nell'area rischiano di ripercuotersi negativamente sull'economia globale, causando un aumento dei costi di trasporto e dei tempi di consegna delle merci. Se prolungata, potrebbe avere potenziali effetti destabilizzanti su alcuni Paesi, come l'Egitto, il cui bilancio dipende in gran parte dalle entrate provenienti dai transiti attraverso il Canale di Suez (l'Egitto ha incassato circa 8,6 miliardi di euro nell'anno fiscale 2022-2023)", scrivono nel paper Roma, Parigi e Berlino, nel quale si ricordano le due missioni finora messe in campo dall'Ue nell'aera per la sicurezza della navigazione: l'operazione Atalanta, contro la pirateria somala, e l'operazione Emasoh/Agenor, nello Stretto di Hormuz.