Sabato 13 Aprile 2024

Preside, ricorrerò a giudice lavoro, certo della verità

'Accanimento strano, qualcuno mi vuole fuori dalla scuola'

Preside, ricorrerò a giudice lavoro, certo della verità

Preside, ricorrerò a giudice lavoro, certo della verità

"Ricorrerò al giudice del lavoro. Io sono certo e ho fiducia negli ispettori che faranno il loro lavoro, come già stanno facendo, e che porteranno alla verità". Così, all'ANSA, il preside dell'istituto di Ladispoli, Riccardo Agresti. "Se c'è una denuncia penale sarà il mio avvocato a proteggermi. Se invece è un procedimento scolastico e basta… è evidente che qualcuno mi vuole fuori dalla scuola", afferma, sottolineando che quello che sta avvenendo è "un accanimento strano ed esagerato". "La comunicazione era riservatissima eppure è uscita quando nessuna delle scuole aveva aperto la posta", dice ancora il dirigente scolastico, in merito alla comunicazione della sospensione. "È stato evidenziato un mio reato penale, quello di non aver messo in atto la decisione del Tar. Ma io, ripeto, come già detto, non ero a conoscenza del fatto. La decisione del Tar era stata presa il pomeriggio precedente, quando la scuola era chiusa". E la mattina dopo "la posta è stata aperta dopo l'orario di ingresso dei bambini", conclude.