Per i genitori italiani difficile fare carriera

Studio Adp, 40% lamenta mancato avanzamento

Per i genitori italiani difficile fare carriera

Per i genitori italiani difficile fare carriera

Essere lavoratore e genitore in Italia non è facile, con il 40% dei genitori che lamenta un mancato avanzamento in carriera. A dirlo l'annuale sondaggio redatto dall'Adp Research Institute su circa 33.000 lavoratori in 17 Paesi, di cui circa 2.000 in Italia e di questi circa 1.000 genitori. In particolare il 43% lamenta di non avere avuto nessuno aumento in busta paga a fronte del maggiore carico di lavoro, percentuale che sale al 51% per chi ha figli da 5 a 10 anni. Tra i fattori lavorativi più importanti il 55% dei lavoratori genitori ha risposto il salario, contro il 52% dei non genitori, mentre il 44% considera fondamentale la sicurezza e la stabilità, contro una media italiana del 38% e il 32% dei non genitori. Il 32% dei genitori lavoratori ammette di non sentirsi sicuro e stabile nella propria azienda, con il 43% vorrebbe più sostegno psicologico all'interno dell'azienda. Il 14% attualmente gode di completa flessibilità, il 31% divide tempo in ufficio con tempo a casa ma ancora un 52% lavora solo da ufficio; eppure, per il 38% lo smartworking ha semplificato il lavoro e la gestione famigliare. Guardando al futuro, invece, il 50% dei genitori lavoratori si aspetta un aumento in busta paga nel prossimo anno, contro il 55% dei non genitori, ma in mancanza di un aumento fisso, è quella di avere almeno un premio una tantum per ammortizzare l'inflazione (40%), di ottenere dei buoni spesa/voucher (43%), mentre il 34% spera in un bonus e solo il 12% starebbe pensando di passare a un part time.