Omelia, su Giovanna Pedretti sospetti come macigni

'Da gente frustrata che brama la narrazione di disgrazie altrui'

Omelia, su Giovanna Pedretti sospetti come macigni
Omelia, su Giovanna Pedretti sospetti come macigni

Nella vicenda di Giovanna Pedretti, la ristoratrice trovata a morta a Sant'Angelo Lodigiano, "c'è il giudizio sommario, senza appello, senza misericordia, di chi parla senza sapere, senza conoscere". Don Enzo Raimondi si è espresso così oggi ai funerali della donna: "Il rincorrersi, senza alcun filtro, dei sospetti, pesanti come macigni. Costruiti per soddisfare i pruriti di gente ormai frustrata al punto da bramare la narrazione delle disgrazie altrui. Dove il teorema da dimostrare, il dubbio da alimentare è che anche dove c'è del bene si nasconde, alla fine, un interesse, un tornaconto. Facendo così diventare le ombre tenebra". "Da una parte - ha proseguito don Enzo Raimondi - c'è una comunità provata, come la nostra, desiderosa solo di essere vicina alla famiglia e di regalare l'ultimo saluto a Giovanna, per restituirle quello che le è stato tolto. Dall'altra il chiedersi come fare per evitare tragedie simili. Come impedire ai leoni da tastiera di riversare impunemente il loro odio, dimenticando il potere distruttivo che possono avere anche semplici parole, che è il significato della massima 'Ne uccide più la lingua che la spada'".