Lunedì 17 Giugno 2024

'Ni una menos' di nuovo in piazza contro le politiche di Milei

In Argentina si continuano ad uccidere una donna ogni 35 ore

'Ni una menos' di nuovo in piazza contro le politiche di Milei

'Ni una menos' di nuovo in piazza contro le politiche di Milei

"Nove anni dopo la prima protesta contro i femminicidi, in Argentina continua a essere uccisa una donna ogni 35 ore". Lo denuncia l'organizzazione femminista 'Ni una menos' (Non una di meno) che ha convocato lunedì a Buenos Aires una nuova manifestazione contro il governo di Javier Milei. Alla manifestazione, tenuta di fronte al palazzo del Congresso, hanno aderito anche altre organizzazioni e ong accompagnate da sindacati, deputati e senatori. Secondo un rapporto dell'Equipe latino-americana per la giustizia di genere (Ela), organizzazione femminista che promuove i diritti di ragazze, adolescenti e donne, il governo ultraliberale di Milei ha tagliato del 33% gli stanziamenti per le politiche che mirano a ridurre la disuguaglianza di genere. Al centro della protesta anche la richiesta di giustizia per il 'lesbicidio' di tre donne avvenuto a Buenos Aires settimane fa, la denuncia della 'violenza economica' del governo e dei licenziamenti e l'opposizione alla cosiddetta 'Legge base' dell'esecutivo sulla deregulation e le privatizzazioni. Tra gennaio e maggio di quest'anno si contano già 127 vittime di femminicidio. Vale a dire, in 152 giorni, 127 persone sono state uccise perché donne, lesbiche o perché travestite/trans, secondo l'ultimo rapporto dell'Osservatorio sui femminicidi diretto dall'associazione civile La casa del encuentro.