Venerdì 21 Giugno 2024

Ecuador, dichiarato lo stato di emergenza in 7 province

Prosegue la "guerra" del governo contro le gang della droga

L'Ecuador ha dichiarato lo stato di emergenza in quasi un terzo delle sue province dopo un'ondata di violenza nel contesto della "guerra" in corso da parte del governo contro le bande della droga. La misura, che consente lo spiegamento di soldati in strada, è stata annunciata per un periodo di 60 giorni in sette delle 24 province del Paese sudamericano, secondo un decreto governativo. Gli stati di Guayas, El Oro, Santa Elena, Manabi, Los Rios, Sucumbios e Orellana hanno assistito a un recente aumento di "atti di violenza sistematica perpetrati da gruppi di violenza organizzata, organizzazioni terroristiche e individui belligeranti non statali", si legge nel provvedimento. Il presidente Daniel Noboa ha dichiarato lo stato di emergenza a gennaio dopo che un pericoloso boss del narcotraffico - Jose Adolfo Macias, alias "Fito" - è fuggito dal carcere di massima sicurezza. Mentre i gangster facevano esplodere autobombe, rapivano membri della polizia e uccidevano diverse persone in risposta alla repressione promessa da Noboa, il presidente ha detto che il Paese è in uno stato di "conflitto armato interno" e ha ordinato all'esercito di "neutralizzare" 22 gruppi criminali. Lo stato di emergenza è scaduto il mese scorso. Human Rights Watch ha esortato Noboa a cancellare lo stato di "conflitto armato interno" ancora in atto, affermando che ciò ha aperto la porta a violazioni dei diritti umani. Per lungo tempo un rifugio pacifico stretto tra i principali paesi esportatori di cocaina - Colombia e Perù -, l'Ecuador ha visto esplodere la violenza negli ultimi anni mentre bande rivali legate ai cartelli messicani e colombiani si contendono il controllo. Le guerre tra gang si sono svolte in gran parte nelle carceri del Paese, dove leader criminali come Fito esercitano un controllo immenso. Dal 2021 le battaglie hanno provocato la morte di centinaia di detenuti, i cui corpi sono stati spesso ritrovati smembrati, decapitati o inceneriti.