Martedì 16 Aprile 2024

Da Billie Eilish a Elvis Costello, 250 artisti contro IA

Firmano lettera, settiamola di svalutare il lavoro dei musicisti

Da Billie Eilish a Elvis Costello, 250 artisti contro IA

Da Billie Eilish a Elvis Costello, 250 artisti contro IA

Si intensifica il movimento di rivolta contro l'intelligenza artificiale. Dopo gli scioperi di Hollywood, è il turno dell'industria musicale di esprimere collettivamente il proprio malcontento. Più di 250 artisti hanno firmato questo martedì una lettera aperta indirizzata alle aziende tecnologiche, agli sviluppatori e alle piattaforme di streaming contro l'intelligenza artificiale generativa che utilizza il loro lavoro senza autorizzazione per formare modelli che competono con loro. Tra i firmatari Billie Eilish, Nicki Minaj, Elvis Costello, R.E.M., Mumford & Sons, Katy Perry, Norah Jones, Nicki Minaj, Ja Rule, Jason Isbell e persino i Pearl Jam. Quasi tutti i generi musicali sono rappresentati. Sono tutti membri dell'Artist Rights Alliance, organizzazione che difende i diritti degli artisti "nell'era digitale". Riconoscono che l'intelligenza artificiale, se utilizzata in modo intelligente, può favorire la creatività. Sfortunatamente "alcune delle aziende più grandi e potenti stanno utilizzando senza permesso il nostro lavoro per addestrare modelli di intelligenza artificiale. Questi sforzi mirano direttamente a sostituire il lavoro degli artisti umani con enormi quantità di "suoni" e "immagini" creati dall'intelligenza artificiale che diluiscono sostanzialmente le royalties pagate agli artisti. Per molti musicisti, artisti e cantautori che cercano solo di sbarcare il lunario, questo sarebbe catastrofico.