Budget record da 7,8 miliardi per l'Europa nel 2024

L'Europa dello spazio avrà un budget record di 7,8 miliardi di euro nel 2024, consentendo contratti con aziende e mondo accademico, investimenti nella Space Economy, nuove missioni di esplorazione e la preparazione di satelliti. Il direttore generale dell'Agenzia Spaziale Europea, Josef Aschbacher, ha sottolineato l'importanza dei lanciatori e dei temi legati al clima. Inoltre, ci saranno nuove carriere per gli astronauti e voli con aziende private come Axiom.

Per lo spazio europeo nel 2024 budget record da 7,8 miliardi
Per lo spazio europeo nel 2024 budget record da 7,8 miliardi
L'Europa spaziale avrà a disposizione un budget record di 7,8 miliardi di euro nel 2024, il quale rappresenta un aumento del 10% rispetto al 2023. Questo permetterà di stipulare 1.500 contratti con aziende e istituzioni accademiche, investire 60 milioni di euro per favorire la crescita economica nel settore spaziale, realizzare 8 nuove missioni di esplorazione e preparare altri 40 satelliti che si aggiungeranno ai 27 già operativi. Queste sono le parole del direttore generale dell'Agenzia Spaziale Europea, Josef Aschbacher, durante la conferenza stampa di inizio anno. Aschbacher ha osservato che il 2023 è stato un anno impegnativo e ricco di attività, ma grazie a una buona cooperazione è stato affrontato con successo. Il 2024 si prospetta altrettanto intenso. Sarà infatti l'anno dei lanciatori, con il debutto dell'Ariane 6 previsto tra giugno e luglio e il ritorno al volo di Vega C entro la fine dell'anno. Questi sono due passi cruciali per garantire all'Europa un accesso autonomo allo spazio. Aschbacher ha inoltre annunciato che si continuerà a lavorare intensamente sui temi legati al clima e all'accelerazione dei programmi per un futuro sostenibile. A giugno si terrà lo Space Summit in Germania, dedicato proprio a queste tematiche. Ci sono anche novità riguardo agli astronauti, con la preparazione di 5 nuove carriere e la programmazione di voli anche con aziende private, come Axiom. Marcus Wandt, il primo della nuova generazione di astronauti dell'Esa, parteciperà alla missione Ax-3 che partirà il 17 gennaio.