Arriva l'aiuto alle edicole, una tantum fino a 3.000 euro

Agenzia delle Entrate, contributo indipendente dai punti vendita

Arriva l'aiuto alle edicole, una tantum fino a 3.000 euro
Arriva l'aiuto alle edicole, una tantum fino a 3.000 euro

Arriva il contributo per sostenere le edicole: lo ricorda l'Agenzia delle Entrate sulla sua webzine FiscoOggi, spiegando che le domande (partite lo scorso 8 febbraio) potranno essere presentate entro l'8 marzo. Il contributo una tantum - spiega l'Agenzia - è forfetario e viene riconosciuto indipendentemente dal numero di punti vendita. Il bonus può arrivare fino a 2mila euro, e sale a 3mila euro per i punti vendita esclusivi situati nelle aree interne. Il sostegno economico è riconosciuto a fronte della realizzazione di almeno una delle seguenti attività effettuate nel periodo 1 gennaio - 31 dicembre 2023: realizzazione di progetti di consegna a domicilio di giornali quotidiani e periodici; apertura domenicale pari almeno al 50% delle domeniche su base annua; fornitura di pubblicazioni agli esercizi commerciali limitrofi. Si richiede inoltre l'attivazione di uno o più punti vendita addizionali. Secondo una recente rilevazione del Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai, le edicole oggi in Italia sono circa 12mila e, di queste, quasi la metà svolge ulteriori attività rispetto alla vendita di quotidiani e periodici che resta comunque prevalente. Tra il 2021 e il 2022 hanno registrato una contrazione del 3,5%, ma il trend negativo si é fortemente attenuato rispetto agli ultimi anni (-13,3% nel periodo 2018-2019 e -6,5% tra il 2020 e il 2021) anche grazie alle misure di sostegno al settore che hanno ridotto l'emorragia di imprese. Infatti, é forte il rischio desertificazione in molti comuni soprattutto laddove é più fragile, esigua o addirittura inesistente la presenza di punti vendita: il 25% dei comuni italiani non ha un'edicola, mentre il 30% (circa 2mila e 500 comuni) ha solo una rivendita.