Venerdì 14 Giugno 2024
GIANMARIO BONZI
Sport

La Shiffrin a 83 Resiste soltanto il mito Stenmark

Record di vittorie, Ingo è a quota 86. Brignone terza a Kronplatz

Migration

di Gianmario Bonzi

E Lindsey Vonn è alle spalle. A breve toccherà anche a sua maestà Ingemar Stenmark. Sì, è vero, non ha senso paragonare epoche e generi diversi, ma Mikaela Shiffrin, vedrete, metterà d’accordo tutti. Perché una così non si è mai vista. Nello sci sicuramente, forse anche nello sport a tutto tondo. Intanto il primo tassello c’è: con il trionfo di ieri nel gigante di Kronplatz, l’americana è giunta a quota 83 successi in Coppa del Mondo in 237 gare disputate a nemmeno 28 anni.

Un’impresa epica, che le permette di superare Lindsey Vonn (ferma, si fa per dire, a 82) e migliorare quanto fece Stenmark nel 1986, arrivato alla stessa cifra di vittorie nel giorno del suo 30° compleanno e con 239 gare sul groppone. "Ingo" poi è salito a 86 ed è proprio lì che è posta la prossima asticella per l’americana: "Forse realizzerò nei prossimi giorni quel che ho fatto". In realtà non ne può più di affrontare l’argomento, e la capiamo, perché la...cifra del suo talento è data dalla sua meravigliosa sciata: anche ieri, di fronte a una Gut pressoché perfetta nella seconda manche, Mikaela ha fatto la differenza in 4-5 porte in fondo al muro, lasciando la ticinese a 45 centesimi e un’ottima Federica Brignone (almeno 4 podi in ogni annata per otto stagioni consecutive, record italiano), terza, a 1“43. Shiffrin ha anche "spogliato" Bassino (decima con un errore grave nella seconda manche) del pettorale rosso di leader di specialità, ma la sfida resta aperta a tre gare dal termine con anche Vlhova, Gut e Brignone in ballo. Oggi si replica, alle 10.30 e 13.30 (diretta RaiSport ed Eurosport1).