I nove club 'perdonati' dalla Uefa (Ansa)
I nove club 'perdonati' dalla Uefa (Ansa)

Roma, 7 maggio 2021 - La Uefa 'perdona', dopo le scuse ufficiali, una multa e il 5% dei ricavi, nove dei 12 club coinvolti nel progetto cosiddetto "Super League", invece Juve, Barcellona e Real Madrid, "che si sono rifiutati di rinunciare alla Superlega", saranno deferiti "agli organi disciplinari competenti".

Milan, Inter, Arsenal, Chelsea, Atletico Madrid, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham saranno reintegrate. "Ho detto al Congresso Uefa che ci vuole un'organizzazione forte per ammettere di aver commesso un errore soprattutto in questi giorni di prova sui social media. Questi club hanno fatto proprio questo".

"In uno spirito di riconciliazione e per il bene del calcio europeo, i nove club hanno presentato alla Uefa una 'Dichiarazione di impegno del club' che definisce la posizione dei club, compreso il loro impegno alle competizioni Uefa per club e alle competizioni nazionali per club". 

Sul sito il comunicato di Ceferin continua: "Accettando i loro impegni e la volontà di riparare il disagio che hanno causato l'Uefa vuole lasciarsi questo capitolo alle spalle e andare avanti con uno spirito positivo. Le misure annunciate sono significative, ma nessuna delle sanzioni finanziarie sarà trattenuta dall'Uefa. Saranno tutte reinvestite nel calcio giovanile e di base nelle comunità locali di tutta Europa, incluso il Regno Unito. Questi club hanno riconosciuto rapidamente i propri errori e agito per dimostrare il futuro impegno per il calcio europeo. Lo stesso non si può dire per i club che rimangono coinvolti nella cosiddetta 'Superlega' e l'Uefa tratterà successivamente con loro". 

Juve, Barcellona e Real Madrid: nei loro confronti, l'Uefa si riserva "i diritti di intraprendere qualsiasi azione ritenga opportuna", visto che "quei club finora si sono rifiutati di rinunciare alla Superlega".

Ai nove club ìperdonati' (Arsenal, Milan, Chelsea, Atletico, Inter, Liverpool, Man City, Man United e Tottenham) la Uefa tratterrà il 5% dei ricavi che avrebbero ricevuto dalle competizioni Uefa per club per una stagione, e saranno multati 100 milioni se cercheranno di giocare in una "competizione non autorizzata".