Piotr Zielinski (Ansa)
Piotr Zielinski (Ansa)

Napoli, 8 settembre 2021 - Rientri ma anche nuove defezioni: il bilancio della sosta è a due facce per il Napoli, che riabbraccia Victor Osimhen dopo il ricorso vinto ieri ma forse, sempre in vista della Juventus, perde due pedine a centrocampo.

Out Zielinski e Lobotka?

Per quanto riguarda il primo, ossia Piotr Zielinski, bisogna ricondurre l'allarme al match con il Venezia, nel quale arrivò quel guaio muscolare che tuttora si fa sentire. Ad aggravarlo probabilmente la decisione di Paulo Sousa di convocare comunque il classe '94. Poi il dietrofront del CT della Polonia, che nella conferenza stampa di presentazione dell'attesissima sfida contro l'Inghilterra ha annunciato l'ennesimo forfait del mediano azzurro, che intanto però è stato costretto a sorbirsi viaggi internazionali e magari neanche le cure specifiche che avrebbe ricevuto a Castel Volturno. Indietro non si può tornare e così adesso il Napoli deve solo limitare i danni non forzando i tempi per il rientro di Zielinski, che difficilmente avverrà contro la Juventus, una partita che, come suo solito, sta già scaldando gli animi tra polemiche a distanza e veleni vari. In questo marasma di cui tutti farebbero a meno non può rientrare il contrattempo che potrebbe togliere anche Stanislav Lobotka dal prato del Maradona sabato prossimo. A proposito di campi da calcio: lo slovacco ha dovuto abbandonare quello che ospitava il match tra la sua Nazionale e Cipro per quello che di primo acchito è stato definito un fastidio che non desta particolari preoccupazioni. Tutto vero, così come è vero che in questi casi bisogna comunque avera cautela per evitare che l'infortunio si aggravi e possa poi inguaiare ulteriormente Luciano Spalletti.

Debutto di fuoco per l'ultimo arrivato?

La palla, in ottica Juve, passa proprio al tecnico toscano, che sorride per l'attacco (reparto che dovrebbe annoverare senza troppi problemi Lorenzo Insigne nonostante il forfait in Nazionale) ma rischia di dover risolvere un bel rebus per costruire la mediana. In realtà la scelta, vista la ridotta gamma di giocatori a disposizione, è più semplice del previsto: nella peggiore delle ipotesi l'unico terzetto possibile è quello composto da Fabian Ruiz, Elmas e Zambo Anguissa, con quest'ultimo che si ritroverebbe a debuttare dopo appena un allenamento in azzurro e tra l'altro nel match più atteso. Insomma, un bel banco di prova per il camerunese e per il Napoli in generale, chiamato a dimostrare il valore dell'intera rosa (seconde linee comprese) dopo il brutto tonfo nell'amichevole con il Benevento.

Leggi anche - Juventus, a Napoli senza 5 sudamericani?