Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 30 maggio 2020 – Le strade di Mauro Icardi e dell’Inter stanno per separarsi definitivamente. Pronto il riscatto da parte del Psg, a cifre leggermente ribassate rispetto a quella pattuite un anno fa, ma comunque sufficienti per la felicità di tutti: l’argentino, che non rientra più nei piani di Conte, resta a Parigi con un ruolo importante, soprattutto se Cavani andrà via, l’Inter invece incassa una cospicua cifra da reinvestire sul mercato. 

Quasi 60 milioni

Alla fine Beppe Marotta un piccolo sconto lo ha accettato, ma niente di così eclatante. Invece di 70 milioni di euro ne arriveranno circa 60 tra parte fissa e bonus, comunque utili per le casse nerazzurre che potranno così investire sul mercato in entrata. Alla fine Icardi resterà a Parigi, la missione di Leonardo è completata così come quella di Marotta che aveva la necessità di cedere definitivamente il calciatore. Tutti contenti, anche perché per l’Inter la plusvalenza su Icardi è garantita considerando ormai l’ammortamento del giocatore a bilancio. Passato anche lo spauracchio di un possibile passaggio di Icardi alla Juve, a meno che il Psg inopinatamente non decida di cederlo successivamente.

Assalto a Tonali

Con risorse da investire, l’Inter può sicuramente diventare tra le padrone del prossimo mercato. Con Ausilio che ha ridimensionato i movimenti in attacco ‘Lautaro via solo per la clausola, Sanchez può restare, Cavani non è una priorità’, gli sforzi nerazzurri potrebbero concentrarsi a centrocampo. Proprio il diesse nerazzurro ha aperto le porte dell’Inter a Sandro Tonali e il mediano del Brescia può appunto diventare il grande obiettivo interista. Il profilo tecnico del calciatore piace, è italiano e giovane, quindi nel solco già creato con Bastoni, Barella e Sensi, ma costoso. Occorreràcapire i parametri di Cellino, come ammesso da Ausilio, ma l’Inter dal canto suo è pronta a offrire 40 milioni di euro, una cifra che nel calcio post virus potrebbe fare breccia.