Fernando Gaviria
Fernando Gaviria

Bologna, 25 luglio 2020 - E' stato un inverno turbolento per i ciclisti, impossibilitati ad allenarsi in strada e senza gare, ma ancora di più per Fernando Gaviria che è stato contagiato negli Emirati Arabi dal coronavirus. Per il colombiano della Uae Emirates un mese di ospedale, prima per la febbre alta, poi per un tampone che non diventava mai negativo. Ora però Gaviria sta bene e punta tutto sul Giro d'Italia.

"Quando mi sono ammalato negli Emirati Arabi non sapevamo cosa sarebbe accaduto - ha affermato a Tuttobiciweb - Ora sto bene e sono tranquillo, in bicicletta mi sento come sempre e mi sto allenando per cominciare a gareggiare". Restano però nella memoria i momenti più difficili durante la malattia: "Non l'ho preso in maniera pesante, ma per un paio di giorni le cose in ospedale non sono andate bene. Alla fine essermi ammalato negli Emirati è stata una fortuna perché il team mi ha messo a disposizione tutto quello che serviva, ma la vera preoccupazione è stata per il test che era sempre positivo anche dopo diverso tempo e per il fatto che stavano per chiudere le frontiere". Gaviria alla fine è riuscito a rientrare in Colombia una volta guarito e ora guarda dritto al Giro d'Italia: "Una volta rientrato in Colombia ho fatto un'altra quarantena per mettere al sicuro la mia famiglia, ora riparto con la Vuelta Burgos ma l'obiettivo più importante sarà il Giro d'Italia".