Uno stick al silicone per le articolazioni di mani e dita

La soluzione potrebbe restituire l’uso delle mani compromesse dall’artrosi e dall’artrite

18/07/2021 - di Redazione

Uno stick di silicone potrebbe restituire l’uso delle mani compromesse dall’artrosi e dall’artrite. Ne è convinto sostenitore Vincent Joseph Mazzone, direttore della Chirurgia della Mano della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma spiega le nuove tecniche chirurgiche per le articolazioni delle mani colpite da artrosi o da artrite reumatoide o per quelle compromesse da un trauma che rende difficile impugnare oggetti o compiere movimenti precisi. «Tutti sanno che esiste la possibilità di sostituire le articolazioni dell’anca, del ginocchio o della spalla con delle protesi – afferma lo specialista – pochi sanno che lo stesso principio si può adottare con le piccole articolazioni. Esistono infatti protesi articolari per le articolazioni delle dita (interfalangee e metacarpo-falangee), per quelle alla base del pollice (articolazione trapezio-metacarpale) e per il polso.

Le novità nel campo delle protesi riguardano sia i nuovi disegni che i materiali. Quelle più performanti per le articolazioni interfalangee sono in silicone, mentre per le articolazioni metacarpo-falangee i migliori risultati si ottengono con le protesi anatomiche. Le protesi delle articolazioni delle mani vengono impiantate in genere in Day-Hospital. Il paziente può dunque tornare subito a casa, per essere poi avviato ad un programma riabilitativo con un fisioterapista della mano.