Manifestazione 25 novembre a Roma. Le organizzatrici: “Siamo almeno 500mila contro la violenza sulle donne”. Schlein: “Fermiamo la mattanza”

Giornata contro la violenza sulle donne, dal Circo Massimo l’onda fucsia ha raggiunto piazza San Giovanni. Non una di meno: “Per Giulia Cecchettin e le altre”. Sventolano anche bandiere della Palestina

Roma, 25 novembre 2023 – “Per Giulia, per tutte, grideremo forte”. Quel grido partito dal Circo Massimo ha attraversato tutta la capitale fino a piazza San Giovanni. Il corteo organizzato da Non una di meno – un’onda fucsia di “almeno 500mila persone”, secondo le organizzatrici –  ha sfilato in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Tra slogan e mazzi di chiavi sventolati al cielo, i manifestanti hanno fatto sentire la propria voce per Giulia Cecchettin e tutte le altre vittime di violenza di genere: 107 solo da inizio anno. Tra la folla si sono viste anche bandiere della Palestina.

Corteo a Roma contro la violenza sulle donne
Corteo a Roma contro la violenza sulle donne

Il numero dei partecipanti 

Al corteo di Non una di meno a Roma hanno partecipato migliaia di persone. “Roma è invasa dalla marea fucsia. Siamo almeno almeno 500mila”, è questa la stima delle organizzatrici. Mentre secondo fonti Agi al raduno al Circo Massimo erano in 50mila.

Tra le presenze istituzionali annunciate e confermate, il segretario della Cgil, Maurizio Landini, il sindaco di

Roma, Roberto Gualtieri e la leader Pd, Elly Schlein. Non dovrebbe esserci invece Elena Checchettin.

Presenti anche Paola Cortellesi, Fiorella Mannoia, Malika Ayane, Noemi, Luisa Ranieri, Luca Zingaretti e Ferzan Ozpetec.

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in migliaia al Circo Massimo a Roma
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in migliaia al Circo Massimo a Roma

Schlein: “Fermiamo la mattanza” 

"Una straordinaria manifestazione, sia a Roma che da altre parti d'Italia – ha detto la segretaria dem, Elly Schlein, dalla manifestazione nella capitale –. È un segnale molto importante, il paese chiede di fare un passo in avanti contro la violenza di genere. Bisogna insistere sulla prevenzione, per sradicare la cultura patriarcale. Va contrastata a partire dalle scuole con l'educazione all'affettività. Bisogna mettere le risorse che mancano sulla prevenzione, formazione e emancipazione economica delle donne. Vogliamo fermare questa mattanza".

Elly Schlein alla manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma (Ansa)
Elly Schlein alla manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma (Ansa)

Il percorso

Il corteo ha attraversato la città: da via dell'Ara Massima di Ercole fino a piazza San Giovanni passando per Porta Capena, via di San Gregorio, via Labicana, viale Manzoni e via Emanuele Filiberto.

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il corteo a Roma (Ansa)
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il corteo a Roma (Ansa)

Tensioni davanti a sede di Pro Vita & Famiglia

Ci sono stati momenti di tensione davanti alla sede di Pro Vita & Famiglia in viale Manzoni. Sono state lanciate bottiglie e fumogeni contro l'edificio che era presidiato dalle forze dell'ordine. Il gruppo di manifestanti si è poi allontanato. Sul posto blindati e agenti in tenuta antisommossa.

Non una di Meno: “Siamo tutte Elena Cecchettin”

''L'attenzione dopo gli ultimi femminicidi, in particolare di Giulia Cecchettin, si è alzata. In realtà ci sono state mobilitazioni durante tutti gli ultimi giorni e questo è soltanto il prosieguo della serie di mobilitazioni in tante città italiane'', spiegano le attiviste di Non una di meno all’Adnkronos. 

Sulla presenza di bandiere e cori pro-Palestina, le organizzatrici hanno dichiarato: ''Per noi significa portare la bandiera di un popolo oppresso che sta subendo violenza. Di uno Stato non riconosciuto a livello internazionale. Noi siamo contro tutte le violenze e non esistono vittime di serie A e di serie B”. 

Quanto alla partecipazione di Elena Cecchettin, ''siamo tutte Elena, lei è qui con tutte noi'' al di là della sua partecipazione, (che non c’è stata ndr), ''portiamo avanti la sua voce e la sua lotta. Ci siamo riconosciute tutte nelle sue parole''.

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui