Ilaria Salis, scontri tra manifestanti e polizia a Roma: il corteo ha provato a raggiungere l’ambasciata di Ungheria

Un centinaio di persone è stata bloccata mentre si dirigeva verso la sede diplomatica ungherese: fumogeni, cori e poi gli scontri

La polizia ha bloccato i manifestanti diretti verso l'ambasciata di Ungheria
La polizia ha bloccato i manifestanti diretti verso l'ambasciata di Ungheria

Roma, 10 febbraio 2024 – Scontri tra manifestanti e le forze dell'ordine nel pomeriggio a Roma durante il corteo organizzato per i palestinesi e in solidarietà di Ilaria Salis, la 39enne detenuta da un anno a Budapest con l’accusa di aver aggredito e ferito due estremisti di destra. 

Approfondisci:

“Ilaria Salis libera subito”: blitz al consolato d’Ungheria a Venezia di 30 attivisti

“Ilaria Salis libera subito”: blitz al consolato d’Ungheria a Venezia di 30 attivisti

Il corteo verso l’ambasciata di Ungheria

Un gruppo di un centinaio tra studenti e attivisti di gruppi antagonisti si è staccato dal corteo principale e ha tentato di raggiungere l'ambasciata di Ungheria in via dei Villini, nel centro della Capitale in zona Nomentana. Il percorso era sbarrato dalla polizia e il gruppo è stato bloccato. Dopo momenti di tensione fumogeni e cori contro le forze dell'ordine i manifestanti hanno cercato di superare lo sbarramento e sono arrivati al contatto con gli agenti. Contenuti dai reparti e respinti con cariche di alleggerimento, i manifestanti sono stati ricompattati e fatti muovere su viale Regina Margherita, dove il corteo si è diretto verso piazza Vittorio Emanuele II.

Il corteo a Roma per Ilaria Salis e la Palestina
Il corteo a Roma per Ilaria Salis e la Palestina

La manifestazione

"Dall'Ungheria alla Palestina free them all”, questo lo striscione tenuto tra le mani al presidio organizzato a Roma per Ilaria Salis e per la Palestina. Verso le 15 è partito anche un corteo spontaneo su viale regina Margherita. L'intenzione dei manifestanti sarebbe di arrivare all'ambasciata di Ungheria. Al presidio collettivi degli studenti e gruppi dei centri sociali. “Siamo tutti antifascisti. Tutti fuori dalle galere. Palestina libera”, continuano a gridare procedendo nel corteo.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui