Roma, al via Fo.Ro., Foresta Romana su 13 piani dell’architetto Cucinella

Da luglio i cantieri in via Colombo: palazzi come tronchi di alberi e attici ricoperti da un bosco senza dimenticare aree relax, coworking e commerciali. "L'obiettivo - afferma l’assessore all'urbanistica di Roma, Maurizio Veloccia - è innalzare la qualità dell'edilizia della città”

Fo.Ro. la Foresta Romana progettata da Cucinella sorgerà in via Colombo a Roma

Fo.Ro. la Foresta Romana progettata da Cucinella sorgerà in via Colombo a Roma

Roma, 27 maggio 2023 – L'architettura green sbarca a Roma con un nuovo ambizioso progetto in cantiere. Si tratta di Fo.Ro., che richiama il foro, luogo d’incontro degli antichi romani, ma è in realtà l’acronimo di 'Foresta romana', un edificio ideato dall'archistar Mario Cucinella pronto a sfidare il famoso bosco verticale realizzato da Boeri a Milano.

Il palazzo, che dovrebbe sorgere tra via delle Sette Chiese e via Cristoforo Colombo, nel quadrante Sud della capitale, si struttura come un albero: ai primi piani uffici e spazi commerciali che lo radicano a terra, ai piani superiori le residenze che costituiscono il fusto e da cui si estendono, come rami, le logge con ampi terrazzi panoramici ricchi di vegetazione. Così viene descritto sul sito il progetto che aspira a divenire "un simbolo dell'architettura contemporanea e di rigenerazione a Roma".

Cantieri da luglio

"I lavori dovrebbero iniziare a metà luglio - ha affermato l'assessore all'urbanistica di Roma, Maurizio Veloccia -, data in cui partiranno tutti i nuovi cantieri di piazza dei Navigatori, con un vasto intervento urbanistico che prevede un nuovo bocciofilo, la realizzazione di un'area verde e ludica e nuovi parcheggi multi-piano sulla piazza". Il progetto più atteso, però, è l'edificio green.

Il bosco tra gli attici

L'idea è quella di realizzare una foresta come oasi nel caos della città, per questo il palazzo è pensato per accogliere molti arredi verdi, con alberi e piante a formare una sorta di copertura boschiva sull'ultimo piano riservato agli attici. Nella prospettiva di ritrovare un contatto più diretto tra uomo e natura, si legge ancora sul sito Fo.ro. living, le case in vendita del complesso utilizzeranno il sole come fonte di energia pulita e l'acqua piovana recuperata per l'irrigazione.

Anche social housing

"È un progetto residenziale che prevede anche una parte di social housing, con una serie di appartamenti attribuiti a specifiche categorie, come le giovani coppie, ad affitti calmierati", ha spiegato l'assessore. Diverse aree dell’edificio, che si svilupperà in altezza su tredici piani, sono immaginate poi per ospitare spazi dalle vocazioni più diverse: attività commerciali, open spaces per il coworking, aree relax con spa e palestra e perfino un piccolo spazio per gli amanti del golf. "L'obiettivo di edifici come questo - conclude l'assessore - è di innalzare la qualità dell'edilizia della città. Lungo l'asse della Cristoforo Colombo ci sono diversi progetti simili, come il nuovo Rettorato di Roma Tre, molto performante dal punto di vista energetico, nati all'insegna della sostenibilità ambientale".

Approfondisci:

Biennale Architettura, Lokko: non c’è storia senza Africa

Biennale Architettura, Lokko: non c’è storia senza Africa
Approfondisci:

Cronache dalla Biennale di Venezia: Uzbekistan tra arcaico e contemporaneo

Cronache dalla Biennale di Venezia: Uzbekistan tra arcaico e contemporaneo