21 gen 2022

Ricoverata per Covid, 28enne non vaccinata partorisce e muore. Il bambino nasce prematuro

I medici del Policlimico Umberto I sono riusciti a farla partorire poco prima che la situazione precipitase. Il bambini è stato estubato ed è stabile

featured image
Reparto di ostetricia

Roma, 21 gennaio 2022 – Una donna in gravidanza è deceduta in ospedale, la 28enne era stata ricoverata per Covid e non era vaccinata. I medici del Policlinico Umberti I di Roma sono riusciti a farla partorire quando prima che le sue condizioni cliniche precipitassero, quando la donna è arrivata in sala operatoria per il cesareo era già in condizioni disperate. Il bimbo, nato prematuro, è stabile. “Il decesso della giovane incinta e non vaccinata è un campanello d’allarme: è importante vaccinarsi anche in gravidanza”, commenta l’assessore alla sanità, Alessio D’Amato.

Durante le fasi della degenza si è tentato di tutto per salvare la vita della giovane, compresa la terapia intensiva in Ecmo, la procedura di respirazione extracorporea. A darne notizia l'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio. “È stato possibile far partorire il neonato prematuro, che ora è estubato e stabile. Ricordiamo l'assoluta importanza di vaccinarsi anche in gravidanza. Formuliamo ai familiari della giovane donna le più sentite condoglianze", si legge nel bollettino dell’Unità di crisi. 

Approfondisci:

Covid, aumentano i parti di donne positive. Il ginecologo: "Molte non sono vaccinate"

Una ricerca ha messo in evidenza come il 60% delle donne contagiate dal virus partoriscono prematuramente. Tra i casi più noti degli ultimi mesi, la morte della piccola Sharon e della sua mamma, arrivata in ospedale a Napoli in condizioni gravissime. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?