Martedì 16 Aprile 2024

Clan Casamonica, sgombero della villa con piscina del boss Giuseppe

Operazione di polizia, carabinieri e agenti di Roma Capitale nell’immobile di via Flavia Demetria confiscato da tempo alla famiglia mafiosa

Una villa del clan Casamonica confiscata (foto d'archivio)

Un momento dell'operazione congiunta di polizia e carabinieri a Roma, dove sono state emesse 39 ordinanze di custodia cautelare nei confronti del clan dei Casamonica con l'accusa di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, 24 gennaio 2012.

Roma, 5 marzo 2024 – Operazione di sgombero stamattina di una delle ville di Roma della famiglia Casamonica, un’immobile con piscina in via Flavia Demetria 90, in zona Romanina, nella periferia sud-est della Tuscolana. Dalla mattina, polizia, carabinieri e agenti della polizia locale di Roma Capitale stanno liberando la villa nella disponibilità di uno dei boss del clan, Giuseppe Casamonica, e già confiscata da tempo. Nella stessa zona di Roma ci sono altre proprietà riconducibili ai Casamonica che, nelle sentenze della Cassazione, sono stati riconosciuti come un’“associazione mafiosa”.

Lo sgombero

L’operazione di sgombero di questa mattina segue la sentenza della Cassazione che ha stabilito la confisca e il passaggio della villa di via Flavia Demetria 90 all'Agenzia per i beni confiscati, come anche a due altre proprietà della famiglia Casamonica come Villa Sonia, lussuosa residenza con piscina in via Roccarbernarda 8 sempre alla Romanina, e un'altra casa a Monterosi in provincia di Viterbo. Altri beni per un valore di oltre 20 milioni di euro erano stati già confiscati su disposizione del Tribunale, sezione misure di prevenzione, a Giuseppe Casamonica, a Guerrino detto “Pelè” e a Christian Casamonica.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui