Elezioni comunali 2013 (Ansa)

Roma, 24 giugno 2018 - Italiani di nuovo alle urne in 75 Comuni dove oggi si è votato per i ballottaggi delle elezioni amministrative 2018. Dalla sfida tra i due candidati che hanno ottenuto più preferenze nel primo turno delle Comunali di due settimane fa (senza tuttavia superare il quorum del 50% +1), sono usciti i nomi dei nuovi sindaci. Le città. Ancona, unico capoluogo di Regione interessato dalla sfida, e altri 13 capoluoghi di provincia: Pisa, Siena, Massa, Sondrio, Terni, Imperia, Teramo, Viterbo, Brindisi, Avellino, Messina, Ragusa, Siracusa. 

Elezioni, ballottaggio amministrative 2018. Risultati in diretta

PECIALE BALLOTTAGGI: AFFLUENZA CITTA' PER CITTA'

AFFLUENZA - Crollo dell'affluenza: i dati definitivi del Viminale (esclusa la Sicilia) registrano una percentuale che si attesta al 47,61% contro il 60,42% del primo turno. Il calo è stato del 12,81%.

Alle 19 aveva votato il 33,38% degli aventi diritto nei 67 dei 75 comuni chiamati alle urne. Al primo turno, alla stessa ora, l'affluenza era stata del 42,82%. Dunque il calo è stato di oltre 9 punti percentuali. Anche in Sicilia l'affluenza delle ore 19 è molto ridotta rispetto al primo turno: è complessivamente del 28,42%, in calo del 14,33% rispetto all'affluenza del 42,75% delle ore 19 del 10 giugno scorso. Scarsa affluenza anche nel III Municipio di Roma: alle 19 ha votato solo il 14,73% degli aventi diritto (al primo turno alla stessa ora lo aveva fatto il 18,44%).

Alle 12 aveva votato il 15,54% degli aventi diritto contro il 19,31 % del primo turno. Anche in Sicilia l'affluenza delle ore 12 è in calo rispetto a due settimane fa. Il dato complessivo dell'Isola è dell' 11,45% a fronte del 17.63% del 10 giugno con una diminuzione del 6.18%. Molto bassa l'affluenza anche al ballottaggio nel III Municipio di Roma Capitale. Il dato rilevato alle ore 12 nelle 183 sezioni è del 6,74%. Alla stessa ora al primo turno la partecipazione era stata dell'8,18%.

image

Ballottaggi, le urne cruciali

Siena, il fortino rosso è in bilico. Salvini crede nella spallata