Giovedì 20 Giugno 2024

Dichiarazione dei redditi. Le agevolazioni per gli studenti

È proprio vero che chi studia fuori casa può detrarre l’affitto?

Dichiarazione dei redditi. Le agevolazioni per gli studenti

Dichiarazione dei redditi. Le agevolazioni per gli studenti

Gli studenti che vivono fuori sede possono USUFRUIRE DI UNA DETRAZIONE IRPEF DEL 19% SUI CANONI DI AFFITTO. LE SPESE SOSTENUTE POSSONO ESSERE DETRATTE NELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI GRAZIE A UN’AGEVOLAZIONE FISCALE ad hoc. È possibile fruirne sia nel caso di contratti di locazione stipulati o rinnovati, sia nel caso di contratti di ospitalità o di assegnazione stipulati con enti per il diritto allo studio, con università e collegi universitari, con enti senza fine di lucro e cooperative. Per godere della detrazione è necessario che la sede universitaria sia in una provincia diversa da quella di residenza, si trovi ad almeno 100 chilometri di distanza dall’indirizzo di residenza (questa distanza è ridotta a 50 chilometri se si risiede in una zona montana o disagiata), l’abitazione presa in locazione deve essere nello stesso comune dell’università o in un comune limitrofo. L’agevolazione vale non solo per gli studenti che frequentano le università, ma anche per quelli che studiano in istituti superiori e conservatori e che vivono all’estero con il programma Erasmus. Non vale invece per master, dottorati e corsi di specializzazione. Per poter fare la richiesta occorre essere in possesso di una copia del contratto di locazione registrato, o del contratto di ospitalità o di assegnazione in godimento e dare prova dell’avvenuto pagamento dei canoni. La spesa deve essere tracciabile, per esempio effettuata tramite assegno, MAV, carta di credito o di debito.