Sabato 13 Aprile 2024

La figlia di Dio, Maradona raccontato dalla primogenita Dalma: “Ora tocca a me parlare”

Nell’anniversario dell’ultima partita giocata con la maglia del Napoli, il 24 marzo, esce in streaming il nuovo documentario biografico sull’eterno numero 10

Diego Armando Maradona con la figlia Dalma in una foto del 2005 a Cannes

epa08841561 (FILE) - Argentinian soccer legend Diego Maradona (R) and his daughter Dalma (L) arrive at the Palais des Festivals in Cannes, France, 21 May 2005 to attend the Palmares Ceremony of the 58th Cannes Film Festival and for the screening of the movie 'Chromophobia' by British director Martha Fiennes (re-issued on 25 November 2020). Diego Maradona has died after a heart attack, media reports claimed on 25 November 2020. EPA/NIVIERE FRANCE OUT *** Local Caption *** 00439628

Napoli, 23 marzo 2024 – Maradona è sempre protagonista a Napoli, in Argentina e in qualunque modo si faccia riferimento all’eterno numero 10. E lo è anche di più quando a parlare di Diego sono le persone che gli sono state più vicine, in grado di rivelare qualcosa di personale e sconosciuto di quella vita che ha dato spettacolo sui campi di gioco ed è stata, nel bene e nel male, uno spettacolo anche fuori dagli stadi di calcio. É quello che promette il nuovo documentario biografico su Maradona, non l’ennesimo racconto su El pibe de oro, ma la sua storia raccontata da una narratrice unica e inedita come può esserlo la sua figlia primogenita Dalma

Approfondisci:

L’autista di Maradona. "Si fidava solo di me, guidavo la sua Ferrari. E mi fece da testimone"

L’autista di Maradona. "Si fidava solo di me, guidavo la sua Ferrari. E mi fece da testimone"

Il racconto di Dalma Maradona

“La storia di papà è stata raccontata mille volte, da chi l'ha amato e da chi no. Io volevo raccontare per la prima volta della persona e del padre che era. Dei momenti felici e di quelli non troppo felici. Ho milioni di episodi e aneddoti che ti stringono il cuore. L'ho criticato tanto, sempre parlandogli in faccia. Ma più passa il tempo e più ho voglia di difenderlo. Ora tocca a me parlare”. È così che Dalma Maradona, primogenita de El pibe de oro, inizia il racconto su suo padre: Diego Armando, l'eterno numero 10, il re di Napoli e dell'Argentina, forse il più grande campione di calcio al mondo, morto a Buenos Aires, in circostanze ancora da chiarire, il 25 novembre del 2020, a soli 60 anni.

DALMA MARADONA, ORA RACCONTO IO CHI ERA MIO PADRE
DALMA MARADONA, ORA RACCONTO IO CHI ERA MIO PADRE

Il documentario biografico

Una vita di grandi salite e vertiginose cadute, oggi ripercorsa in “Dalma Maradona - La figlia di Dio”, documentario biografico in tre parti diretto da Lorena Muño (che gioca nel titolo con la “Mano de Dios” con cui il campione segnò ai quarti di finale del Mondiale 1986 contro l'Inghilterra), disponibile in streaming sulla piattaforma di Warner Bros. Discovery da domenica 24 marzo, proprio il giorno dell'anniversario dell'ultima partita giocata con la maglia biancoceleste del Napoli. Un viaggio a ritroso nel tempo, tra filmati, incontri e aneddoti (molti privati e sconosciuti), in cui la storia della leggenda del calcio mondiale è raccontata dalla prospettiva inedita ed esclusiva della figlia Dalma che al padre aveva già dedicato uno spettacolo teatrale, ma anche di persone che hanno ricoperto ruoli chiave nella vita del campione.

“Per me era mio padre, uno che giocava benino a calcio”

"Io ho avuto la versione più bella di mio padre. A me non deve raccontarlo nessuno - dice Dalma - Per me era mio padre, uno che giocava benino a calcio", sorride, mettendo ordine tra gli eventi a cavallo tra Argentina e Italia: l'infanzia a Villa Fiorito, i primi calcio al pallone, l'incontro con la moglie Claudia, l'exploit in Italia (Dalma rientra anche nella loro casa a Napoli), i Mondiali, fino a raggiungere lo status di leggenda. Ma anche i momenti terribili del tunnel della droga e della squalifica, l'incubo di non farcela a uscirne. Un Maradona che è soprattutto padre e compagno nel suo lato più umano e “terreno”, quando la sera le cantava il tango perché non conosceva le favole della buonanotte. Che giocava con le margherite raccolte dalla figlia nei calzini. Che non si tirava mai indietro davanti a una richiesta di aiuto o al delirio dei tifosi. E che con tutto se stesso e infinita fatica ha cercato di rimettersi in piedi per tornare “pulito” e di nuovo vincente in campo. Tra i tanti intervistati, familiari, tecnici, giornalisti e compagni di squadra tra cui il fratello Lalo Maradona, il primo procuratore Guillermo Coppola e poi Sergio Goycochea, Carlos Tévez, Jorge Burruchaga, Fernando Signorini, Federico Buffa e i giocatori del Napoli del tempo.

SOCCER
SOCCER

“Un po’ credo che non se ne sia andato davvero

"La parte migliore di essere la figlia di mio padre? Quando le persone mi fermano per strada per raccontarmi quello che hanno vissuto con lui - risponde Dalma - La parte peggiore, il fatto che lui ha dato così tanto accesso alla sua vita, che tutti possono dare la loro opinione e invadere la tua privacy”. Poi lo choc di quel 25 novembre, che ammutolì il mondo intero. Il processo sulla morte di Diego Armando Maradona comincerà il prossimo 4 giugno a San Isidro, in Argentina, con otto imputati per reati legati alle cure mediche. Dalma non si pronuncia sulla fine di suo padre, ma ricorda di aver visto il suo sguardo spegnersi giorno dopo giorno. “Per me non sarebbe dovuto accadere - riflette - Mi dicono che non se ne è andato per davvero e un po’ lo credo anche io. Questo documentario è un regalo per lui e anche per me, perché è un regalo aver fatto parte della sua vita”.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui