Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 mag 2022
rita bartolomei
Meteo
30 mag 2022

Meteo tra grandine e caldo africano. Che estate ci aspetta? Tre domande all'esperto

Edoardo Ferrara di 3b Meteo: ecco perché viviamo giornate anomale. I precedenti e le proiezioni

30 mag 2022
rita bartolomei
Meteo

Roma, 30 maggio 2022 - Previsioni meteo, siamo sulle montagne russe. Alle spalle la grandine, ci aspettano però temperature africane per il ponte del 2 giugno. Cosa sta succedendo? E che estate sarà? Tre domande a Edoardo Ferrara, meteorologo di 3b Meteo.

Approfondisci:

Siccità, 125 comuni rischiano il razionamento dell'acqua potabile. Ecco la lista

Approfondisci:

Meteo, non piove: allarme acqua. Anbi: rischio razionamento nel Centro Italia

Tra grandine e caldo africano a maggio: perché?

"La situazione è anomala. E l'anomalia sta nella disposizione dell'anticiclone africano. Dovrebbe trovarsi a latitudini più meridionali, sul Nord Africa. Invece si estende spesso verso l'Italia e l'Europa centrale. L'insistenza dell'anticiclone africano sul Mediterraneo pilota aria calda su mezza Europa, infatti anche in Spagna si sono registrate temperature record".

Previsioni del tempo, ci aspettano giorni roventi. Ecco dove
Previsioni del tempo, ci aspettano giorni roventi. Ecco dove

Temperature record anche in Italia a maggio. Era mai successo?

"Sì, ci sono stati picchi anche superiori a quelli che abbiamo visto in questi giorni. Il record di caldo africano nel Nord Italia risale al maggio 2009, con 35 gradi a Bologna e Milano, 37 a Verona. La stessa temperatura, a dire il vero, che sabato si è registrata a Grosseto". Il grande latitante di questi anni, osserva il meteorologo, è l'anticiclone delle Azzorre, "che ci ha sempre garantito temperature miti e gradevoli  rispetto a quelle roventi che arrivano invece dal deserto del Sahara".

Che estate ci aspetta? Rischiamo di esserci giocati il 'bonus caldo'?

"Questo è importante - chiarisce Ferrara -. Non esiste una correlazione tra un maggio caldo e un'estate che può diventare fredda. Cito il caso del 2003, quando la bella stagione iniziò a maggio e andò avanti fino a settembre. Le proiezioni danno come probabile un'estate calda e più secca della norma".

Etna, aperte due nuove bocche. La foto dell'eruzione dal satellite

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?