Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 giu 2022
rita bartolomei
Meteo
15 giu 2022

Siccità sul Po, 125 comuni rischiano il razionamento dell'acqua potabile. Ecco la lista

Dovranno decidere i sindaci di Lombardia e Piemonte. Utilitalia: "Disagi prevedibili". Autorità di bacino: "Attenzione costante sui potabilizzatori di Ferrara e Ravenna"

15 giu 2022
rita bartolomei
Meteo

Roma, 15 giugno 2022 - Acqua potabile e allarme siccità sul Po, 125 comuni tra Lombardia e Piemonte sono in sofferenza. Le multiutility del servizio idrico integrato che fanno capo a Utilitalia hanno chiesto ai sindaci di razionare l'acqua potabile di notte. Ma cosa vuol dire? Di sicuro si raccomanda un uso estremamente parsimonioso.

Approfondisci:

Il mare invade il Po e lo riempie di acqua salata. Che cosa sta succedendo e cosa serve

Il Po chiede acqua, il Garda dice no. Il fronte della siccità spacca il Nord

Approfondisci:

Caldo, allarme ghiacciai: perdono anche il loro colore. Dieci domande all'esperto

Marco Gardella, ingegnere dell'Autorità di bacino del fiume Po, mette però l'evidenziatore anche su Ravenna e Ferrara. "Lì abbiamo gli unici due potabilizzatori che pescano direttamente nel Po - spiega -. Per questo, visti i livelli del fiume, sono oggetto di monitoraggio costante".

Intanto ieri Paolo Romano, presidente della Smat - Società metropolitana acque Torino - ha scritto al sindaco chiedendo di "emanare un'ordinanza urgente rivolta a tutt5i i cittadini per richiamarli ad un utilizzo consapevole, vietando ad esempio l'uso di acqua potabile per l'irrigazione di orti e giardini, per il lavaggio di automezzi e quant'altro non sia strettamente necessario ai fini del fabbisogno umano".

Anche perché un approfondimento di Utilitalia conferma che siamo spreconi. Mentre l'ultimo bollettino dell'autorità di bacino del grande fiume dà un quadro drammatico: siamo nella crisi peggiore da 70 anni. Ma cosa ci dobbiamo aspettare?

Approfondisci:

Il mare invade il Po e lo riempie di acqua salata. Che cosa sta succedendo e cosa serve

Approfondisci:

Meteo, non piove: allarme acqua. Anbi: rischio razionamento nel Centro Italia

La lista dei Comuni lombardi 

Rischio razionamento per 25 comuni lombardi
Rischio razionamento per 25 comuni lombardi

La lista di 80 Comuni piemontesi


I primi 80 Comuni piemontesi considerati in emergenza idrica sono: Agliè, Alpette, Andrate, Angrogna, Bairo, Baldissero Canavese, Barbania, Bollengo, Borgomasino, Bricherasio, Cafasse, Canischio, Cantalupa, Carema, Caselle, Castellamonte, Cesana Torinese, Chiesanuova, Coassolo, Colleretto Castelnuovo, Colleretto Giacosa, Corio, Cuceglio, Cumiana, Favria, Feletto, Fiano, Fiorano, Forno Canavese, Front, Givoletto, Inverso Pinasca, Issiglio, La Cassa, Lemie, Locana, Loranzè, Lusigliè, Noasca, Nomaglio, Oglianico, Ozegna, Parella, Pertusio, Pianezza, Pinasca, Pinerolo, Pomaretto, Prascorsano, Pratiglione, Quagliuzzo, Quassolo, Rivara, Rivarolo Canavese, Rocca, Rorà, Rueglio, Salassa, San Carlo, San Francesco, San Germano Chisone, San Gillio, San Martino Canavese, San Maurizio, San Ponso, San Secondo di Pinerolo, Scarmagno, Sestriere, Settimo Vittone, Tavagnasco, Torre Canavese, Torre Pellice, Usseaux, Val della Torre, Val di Chy, Valperga, Vialfrè, Vidracco, Villar Pellice e Vistrorio.

 

I numeri dell'acqua

Giordano Colarullo, direttore generale di Utilitalia: niente doccia di notte, ad esempio?

"Questo è da vedere. Potrebbe anche essere un razionamento nel senso che si abbassa la pressione dell'acqua, quindi non un'interruzione completa. Chiaramente, i disagi ci saranno".
E cosa ci dobbiamo aspettare?
"La situazione climatica è straordinaria, per l'assenza di pioggia e di riserve di neve. Da un lato occorre ridurre gli sprechi ma anche cercare di usare le fonti che meglio ci garantiscono, come le falde più profonde".
Ai cittadini si dovrà spiegare.

"Sì, la comunicazione è indispensabile per evitare sprechi".

Quali sono i comportamenti da evitare?

"Intanto parliamo dei comportamenti virtuosi da tenere, come una gestione corretta degli elettrodomestici. Sicuramente eviterei di lavara l'auto e annaffiare il giardino. Poi raccomanderei una maggiore efficienza nell'uso dell'acqua dal rubinetto con i frangigetti".

Noi italiani siamo spreconi?

"Abbiamo il consumo di acqua dal rubinetto più alto d'Europa, 245 litri al giorno per abitante. Sicuramente, le nostre abitudini devono mutare".
Venticinque comuni lombardi e un centinaio di centri piemontesi si trovano a dover decidere sui razionamenti dell'acqua, di notte. Il numero potrà aumentare?

"Non è inverosimile. Va scongiurato il rischio di razionamenti diurni, la situazione è peggiore di quella che si verificò nel 2017". 
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?