Borsa: rialzo finale in Europa, New York incerta, Milano +0,6%

Lo spread tra Btp e Bund risale sopra i 173 punti, balzo del gas

Borse europee positive nel finale, con Milano (Ftse Mib +0,6%) che sfiora i 30mila punti toccati l'ultima volta nel giugno del 2008. Poco sotto ai più recenti record storici Londra (+1,03%), Francoforte (+0,88%) e Parigi (+0,42%), mentre Madrid (+0,61%) resta ancora sotto ai massimi del novembre del 2007. Fiacchi gli indici Usa, con il Dow Jones (+0,19%) in lieve rialzo e il Nasdaq (-0,05%) ancora sotto la parità. Risale a 173,8 punti il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi, con il rendimento annuo italiano in calo di 9,6 punti al 4,12% e quello tedesco di 5,8 punti al 2,38%. Tiene il greggio (Wti +0,32% a 76,19 dollari al barile) mentre accelera il gas (+4,2% a 43,82 euro al MWh) con le temperature in ribasso un po' ovunque in Europa. Sale anche l'oro (+0,26% a 2.043,79 dollari l'oncia), in lieve calo invece l'acciaio (-0,13% a 3.911 dollari la tonnellata). In campo valutario si rafforza il dollaro a 0,92 euro, mentre resta stabile la sterlina a 0,79 sul biglietto verde. Sugli scudi i titoli dei colossi estrattivo-minerari Anglo American (+7,24%), Antofagasta (+5,36%), Glencore (+3,77%) e Rio Tinto (+3,74%), sostenuti dall'oro. Bene anche i produttori di microprocessori Asml (+1,6%) ed Stm (+0,88%), difficoltà invece per ams-Osram (-5,73%). Il greggio spinge Saipem (+1,97%), Tenaris (+1,59%) e Shell (+1,18%), più caute Eni (+0,49%), cauta invece TotalEnergies (+0,27%). Rialzi per i bancari Lloyds (+1,92%), Banco Bpm e NatWest (+1,6% entrambe), Barclays (+1,05%), Intesa (+0,85%), Bper (+0,79%) Unicredit (+0,72%) e Commerzbank (+0,7%), più cauta Mps (+0,58%). Rally in Piazza Affari Technogym (+6,51%), dopo l'ingresso della saudita Neom con circa il 6% del capitale.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro