Manovra 2024 approvata in Cdm. Tutte le novità: gratis l’asilo nido per il secondo figlio, taglio al Canone Rai

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al disegno di legge di Bilancio. Ecco cosa cambierà per le tasche degli italiani

Roma, 16 ottobre 2023 –  Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge di bilancio. Fra le novità principali: la nuova Irpef a tre aliquote. Per il 2024 gli scaglioni si riducono da quattro a tre, accorpando i primi due scaglioni con un'unica aliquota al 23%. 

Ci sarà poi uno sconto superiore al 20% per l'assunzione a tempo determinato di lavoratori svantaggiati, disabili, donne con almeno due figli minorenni o disoccupate, giovani, lavoratori del Sud ed ex Rdc. Novità anche per le pensioni (modificata senso più restrittivo per quota 103), asilo nido gratis per il secondo figlio, decontribuzione per l’assunzione delle madri, taglio al Canone Rai. Confermato il taglio al cuneo fiscale.

TUTTE LE NOVITÀ DELLA MANOVRA MINUTO PER MINUTO

15:18
Residenti extra Ue dovranno pagare 2mila euro l'anno per usufruire del Ssn

I cittadini extracomunitari, residenti in Italia, potranno continuare a iscriversi al Servizio sanitario nazionale versando "un contributo" di 2mila euro all'anno. È una delle misure previste dalla 
manovra. "Per i residenti stranieri cittadini di Paesi non aderenti all'Unione europea - si legge in una nota del Mef - si prevede la possibilità di iscrizione negli elenchi degli aventi diritto alle prestazioni del Ssn, versando un contributo di 2.000 euro annui. L'importo del contributo è ridotto per gli stranieri titolari di permesso di soggiorno per motivi di studio o per quelli collocati alla pari".

14:51
Sanità, indennità per i medici impegnati in riduzione liste di attesa

Tra le misure previste dalla manovra "l'introduzione di indennità per medici e altro personale sanitario impegnati nella riduzione dei tempi delle liste di attesa". È quanto si legge in una nota del Mef. Stanziate risorse pari a 250 milioni di euro per l'anno 2025 e 350 milioni di euro a decorrere dal 2026 per il potenziamento dell'assistenza territoriale anche con riferimento a nuove assunzioni di personale sanitario. Per la sanità previsto uno stanziamento aggiuntivo pari a 3 miliardi l'anno 2024 (al quale devono aggiungersi le risorse PNRR e i 300 mln riconosciuti alla Regione Sicilia) e 4,2 miliardi a decorrere dall'anno 2026.

14:50
Partite Iva, fino a 170mila euro stop acconto

In materia fiscale, novità in arrivo con la legge di bilancio anche per le partite Iva fino a 170 mila euro che non pagheranno più in anticipo le tasse. Lo rende noto il Mef. 

14:48
Decontribuzione totale per mamme lavoratrici con 3 figli 

"La decontribuzione assume un volto nuovo con riferimento alle donne lavoratrici, prevedendo che la quota dello sgravio sia pari all'intera quota dei contributi a carico delle lavoratrici stesse, per un anno se hanno due figli fino all'età di 10 anni del più piccolo e permanente per quelle che hanno 3 figli fino ai 18 anni del più piccolo". Lo spiega il Ministero dell'Economia e delle Finanze in una nota sulla manovra. 

10:52
Anticipo di un miliardo di investimenti per Fs

Anticipati gli investimenti di Fs. L'autorizzazione di spesa relativa infatti è incrementata di 1.000 milioni per l'anno 2023. Lo prevede la bozza di decreto legge Anticipi collegato alla 
Manovra appena approvato in Consiglio dei ministri. 

10:23
Superbonus: stop sconto in fattura a fine anno

"La dinamica del Superbonus continua imperterrita al ritmo di 3 miliardi di maggiore spesa l'anno. Non c'è nessun intervento in legge di bilancio su questo. I lavori vanno completati entro l'anno se si vuole lo sconto in fattura, fatto salvo quanto maturato in precendenza". Lo ha detto il ministro dell'economia Giancarlo Giorgetti nel corso della conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri sulla manovra.

10:18
Quota 103: modifica dei requisiti non delle finestre

"Per quota 103 abbiamo alzato i requisiti di età anagrafica fermo restando i 41 anni di contributi per accedere alla pensione". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti in conferenza stampa sulla manovra. "C'è la modifica del requisito e non delle finestre", ha puntualizzato. "Non è quota 104 piena, c'è un meccanismo di - tra virgolette - incentivi a permanere al lavoro e una penalizzazione per quelli che decidono di andare in pensione prima". 

10:12
Pensionamenti anticipati più difficili

"I pensionamenti anticipati ci sono delle forme rafforzate e restrittive rispetto al passato". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti rispondendo in conferenza stampa sul passaggio da quota 103 a quota 104. "Non ci sarà più né Ape sociale né quota 103 nella forme previste l'anno scorso - ha poi ulteriormente chiarito -. Sarà molto più restrittivo l'accesso alla pensionamento anticipato. I lavori non sono in corso. Stanno definendo la relazione tecnica".

10:09
Nel 2024 incassi da privatizzazioni

"Penso nel 2024 penso di poter finalmente incassare quelle ridotte disponibilità che potrebbero derivarmi dalla vendita di Ita. Siamo ancora in fase di pre-notifica a livello comunitario, ma spero che entro la fine di ottobre la notifica formale possa essere depositata dall'Ue". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti in conferenza stampa parlando dell'iter per la vendita del pacchetto di minoranza di Ita a Lufthansa.

10:06
Niente quota 103, più restrittivo il pensionamento anticipato

"Sarà molto più restrittivo l'accesso al pensionamento anticipato". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti nella conferenza stampa dopo l'approvazione della manovra in Cdm. "Ci sono forme rafforzate e restrittive rispetto al passato, fa parte dell'atteggiamento complessivo", ha sottolineato il ministro. "Ho visto fiorire mille proposte che non sono nemmeno mai entrate nella testa del ministro che stava scrivendo la legge", ha aggiunto Giorgetti spiegando che "non ci sarà più Ape sociale e quota 103 nelle forme previste l'anno scorso". 

10:04
Superdeduzione del 130% per chi assume mamme, under 30 e percettori di Rdc

La manovra varata dal governo prevede "l'introduzione del principio 'più assumi e meno paghi'. Questa è una delle misure che sono scritte nel nostro programma, noi introduciamo per le imprese una super deduzione del costo del lavoro per chi assume a tempo indeterminato, pari al 120% per tutte le assunzioni a tempo indeterminato" e che "arriva fino al 130% per chi assume mamme, under 30, percettori di reddito di cittadinanza e persone con invalidità". Così la Premier Giorgia Meloni,l in conferenza stampa.

09:53
Autonomi: "Confermata la flat tax e acconto a rate"

Per il "lavoro autonomo", "anche qui è iniziato un lavoro importante lo scorso anno con un aumento dell'importo per tassa piatta al 15% per i lavoratori autonomi: viene confermata questa misura, e prorogata per altri 3 anni una norma che considero molto importante che è l'indennità straordinaria di continuità, una sorta di cassa integrazione anche per i lavoratori autonomi. Viene anche ampliato il reddito per usufruire di questo ammortizzatore sociale. Inoltre per la prima volta quest'anno gli autonomi non dovranno pagare l'anticipo irpef a novembre ma rateizzarlo in 5 rate da gennaio a giugno". Così la premier Giorgia Meloni. 

09:52
Giorgetti. "Dieci miliardi per la decontribuzione"

I 24 miliardi della manovra saranno così distribuiti: 10 miliardi per decontribuzione; 4,5 per lo scalone Irpef, 3 per la sanità, 5 per il pubblico impiego, «più altre misure di minore entità che siamo obbligati a supportare: l'Ucraina, le missioni dei nostri soldati all'estero che valgono 1,2 miliardi e poco altro. Abbiamo ristrutturato i fringe benefit, tutte cose fondamentali. Le altre richieste dei singoli ministri non sono state accolte». Lo ha detto il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti, in conferenza stampa post Cdm sulla manovra.

09:50
Giorgetti: "Monitoriamo prezzi energia" che potrebbero aumentare

"Stiamo monitorando perché, ad esempio per quanto riguarda l'energia, le previsioni erano favorevoli per quanto riguarda la discesa dei prezzi del gas e quindi dell'energia elettrica, finendo i sussidi che sono stati previsti fino a tutto il 2023. E' chiaro che la situazione potrebbe evolvere in senso negativo rispetto a quelli che erano gli auspici". Lo ha sottolineato il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, nel corso della conferenza stampa al termine del Cdm che ha approvato la manovra di bilancio.

09:48
Tajani. "Nessuna tassa di successione per chicchessia"

"Nella legge di bilancio non c'è alcuna tassa di successione per chicchessia". Lo annuncia il vice presidente del consiglio e e Ministro degli esteri Antonio Tajani. "Ringrazio il Ministro Giorgetti e il sottosegretario Leo per avermi rassicurato su questo punto", aggiunge Tajani.

09:46
Il Canone Rai da 90 a 70 euro

Il Canone Rai passerà da 90 a 70 euro. Lo hanno riferito i ministri nel corso della conferenza stampa dopo il Cdm che ha approvato la Manovra

09:42
Leo: "Nessuno tocca deduzioni-detrazioni. Si fa chiarezza"

Nel dlgs fiscale "si fa chiarezza sulla parte delle detrazioni-deduzioni, nessuno le tocca perché serve cautela e non si può fare in tempi brevissimi". Così il vice ministro dell'Economia Maurizio 
Leo al termine del Cdm sulla manovra

09:40
Introdotta global minimum tax

Il viceministro Maurizio Leo: "Introdotta una global minimum tax"

09:38
Spending review del 5% per tutti i ministeri

Per la manovra è stato chiesto "un sacrificio a tutti i ministeri, che hanno dovuto rinunciare a diversi progetti e idee e si è attuata una spending review significativa, dell'ordine del 5% su tutte le spese discrezionali, eccetto il comparto regioni ed enti locali". Lo ha detto il ministro dell'economia Giancarlo Giorgetti in conferenza stampa sulla manovra. 

09:35
Giorgetti: "Manovra seria e prudente"

"L'impostazione della manovra sarà seria e prudente, ci siamo concentrati a dare una forma di sollievo ai redditi medio bassi, per compensare la riduzione del potere di acquisto. La manovra conferma gli obiettivi approvati dal Parlamento con la Nadef". Così il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti al termine del Cdm.

09:31
Salvini: "C'è copertura del Ponte sullo Stretto"

"Smentendo le voci di queste settimane, c'è la copertura per il collegamento Europa-Italia-Sicilia: aspettiamo le scuse di qualche grande analista… C'è un intervento sul canone Rai, che verrà tagliato sulle bollette degli italiani. Ora spero in una rapida approvazione, senza emendamenti da parte della maggioranza. L'opposizione invece farà il suo lavoro". Così il vicepremier e ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini.

09:29
Salvini: "Taglio del Canone Rai"

Il ministro alle Infrastrutture Matteo Salvini durante la conferenza stampa: "C'è un taglio del Canone Rai dalle bollette"

09:26
Un mese in più di congedo parentale

Un mese in più di congedo parentale retribuito al 60% e aumento del fondo per gli asili nido. E' quanto prevede la manovra, secondo quanto annunciato la presidente del Consiglio Giorgia 
Meloni.

09:23
Tre miliardi in più per la Sanità

Per la sanità la priorità è l'abbattimento liste d'attesa". Così Giorgia Meloni, in conferenza stampa dopo il cdm: "Con 136 mld di euro di quest'anno raggiungiamo il più alto investimento mai previsto per la sanità. Nel 2019 il fondo era di 115 miliardi, negli anni Covid tra i 122 e i 127 miliardi", dice riferendosi alle polemiche sui tagli alla sanità. "Si tratta di tre miliardi in più di quanto previsto -aggiunge -. Nei giorni scorsi ho sentito che noi avremmo tagliato i fondi per la sanità. Le bugie non corrispondono alla realtà delle cose".

09:22
Fringe benefit

Fringe benefit fino a 2.000 euro per lavoratori con figli e mille euro per chi non ne ha

09:21
Meloni: "Priorità rinnovo contratto comparto Sicurezza"

"Voglio dire con chiarezza che per noi la priorità quest'anno è soprattutto il rinnovo del contratto del comparto sicurezza. Penso non si possa più accettare una realtà in cui un poliziotto guadagna per lo straordinario poco più di 6 euro l'ora, meno quanto prenda un collaboratore domestico: bisogna intervenire. La priorità per noi è rinnovo comparto difesa e sicurezza". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa. «Ma oltre a questi 5 miliardi ce ne sono 2,3 sul tema della sanità», ha aggiunto.

09:19
Meloni: "Via il vincolo sulle pensioni contributive"

"Sempre sulle pensioni interveniamo su alcune situazioni di squilibrio e abbiamo cominciato a dare un segnale sulle pensioni di cui non si è occupato nessuno", cioè quelle interamente nel sistema contributivo. Quindi il governo ha eliminato il vincolo che impone a chi è nel contributivo di andare in pensione con l'età raggiunta solo se l'importo della sua pensione è inferiore a 1,5 la pensione sociale. "Secondo noi non è una misura corretta e lo abbiamo rimosso"

09:17
Nidi gratis per il secondo figlio

Giorgia Meloni: "Nidi grati per il secondo figlio"

09:16
Ape sociale e Opzione donna sostituiti da fondo flessibilità in uscita

"Sulle pensioni ape sociale e pensione donna vengono sostituiti da un unico fondo per la flessibilità in uscita". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa sulla manovra.

09:13
Oltre 7 miliardi per gli aumenti contrattuali

 
Giorgia Meloni: "Oltre 7 mld per aumenti contrattuali pubblico impiego e in particolare per il settore Sicurezza".

09:12
Meloni: "Costo tassi e Superbonus supera valore della Manovra"

"Il quadro è chiaramente abbastanza complesso: noi nel 2024 avremo circa 13 miliardi euro di maggiori interessi sul debito, da pagare in forza delle decisioni assunte dalla Bce, e circa 20 di superbonus. L'aumento dei tassi e il Superbonus fanno complessivamente più della manovra di bilancio". Lo ha detto la premier Giorgia  Meloni parlando in conferenza stampa

09:11
Benefici Irpef sterilizzati sopra i 50mial euro

 
Giorgia Meloni: benefici Irpef sterilizzati per redditi sopra 50mila euro.

09:09
Meloni: "cento euro in più in busta paga per redditi medio-bassi"

"Più soldi in busta paga per i cittadini con i redditi medio-bassi". Cosi' la premier Giorgia Meloni presentando i contenuti della legge di bilancio. "E' un aumento in busta paga che corrisponde a cento euro al mese e che coinvolge una platea di 14 milioni di cittadini", ha sottolineato riferendosi al taglio del cuneo fiscale. Per i redditi più alti "sterilizziamo i benifici", dice la premier, "la misura si applica anche per i pensionati". 

09:07
Meloni: "Rafforzato taglio cuneo fiscale"

Meloni: "Abbiamo rafforzato il taglio del cuneo fiscale che riguarda 14 milioni di italiani".

09:05
Meloni: "Legge di Bilancio da 24 miliardi"

Giorgia Meloni: "Approvata una legge di Bilancio da 24 miliardi".

09:03
Meloni: "Più soldi in busta paga"

Giorgia Meloni durante la conferenza stampa ha dichiarato: "Confermiamo il taglio al cuneo fiscale mettendo in busta paga dei cittadini più soldi".

09:00
Con maxi deduzione abrogata l'Ace

L'aumento della deduzione sulle nuove assunzioni per il 2024 è accompagnato dall'abrogazione dell'Ace. Lo prevede la bozza, in entrata al Consiglio dei ministri, del decreto legislativo di riforma fiscale che accompagna la Manovra. L'azzeramento dell'Ace prevede, secondo quanto si legge nella relazione tecnica, il conseguente ripristino a tassazione della quota di reddito imponibile corrispondente. "Si evidenzia che l'abrogazione dell'Ace comporta un aumento dell'imponibile Ires sul quale può trovare maggiore capienza l'importo della maggiorazione del costo del lavoro incrementale. Il maggior gettito derivante dall'effetto combinato delle due misure, per i soggetti Ires, è quindi inferiore alla somma degli effetti delle misure considerate singolarmente"

08:57
Deduzione per assunzione di madri con 2 figli

Per incentivare l'assunzione di particolari categorie - donne di qualsiasi età con almeno due figli minorenni o disoccupate da almeno sei mesi residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell'ambito dei fondi strutturali dell'Unione europea; giovani ammessi agli incentivi all'occupazione giovanile; lavoratori con sede di lavoro situata in regioni che nel 2018 presentavano un prodotto interno lordo pro capite inferiore al 75 per cento della media EU27 o comunque compreso tra il 75 per cento e il 90 per cento, e un tasso di occupazione inferiore alla media nazionale; già beneficiari del reddito di cittadinanza - il costo riferibile a ciascun nuovo assunto è moltiplicato per un coefficiente di maggiorazione del 10%. Lo si legge nella bozza del Dl fiscale in discussione in 
Cdm.

08:55
La riforma dell'Irpef costerà 4,1 miliardi

La riforma dell'Irpef per il 2024 costerà circa 4,1 miliardi. Si legge nella relazione tecnica della bozza di decreto legislativo sulla riforma fiscale che accompagna la Manovra. Si stima anche una variazione di gettito "di addizionali regionale e comunale rispettivamente di -28,2 e -10,8 milioni, per una variazione totale di circa -4.149,9 milioni" e "una variazione di Tfr di circa -52,6 milioni". Nella complessiva perdita di gettito Irpef di 4,1 miliardi, si prevede una minore compartecipazione Irpef delle Regioni a Statuto Speciale/Province autonome di circa -382,2 milioni. 

08:53
Maxi-deduzione per assunzioni a tempo indeterminato

Arriva per il 2024 una maxi-deduzione per chi assume a tempo indeterminato, con una corsia privilegiata per determinate categorie, tra cui giovani ammessi agli incentivi all'occupazione giovanile, donne ed ex percettori del Reddito di cittadinanza. Lo prevede la bozza in entrata al Consiglio dei ministri del decreto legislativo di riforma fiscale che accompagna la Manovra. Per i titolari di reddito d'impresa e per gli esercenti arti e professioni, il costo imponibile del personale di nuova assunzione con contratto indeterminato "è maggiorato, ai fini della determinazione del reddito, di un importo pari al 20%". sono stabiliti coefficienti di moltiplicazione con cui attribuire maggior peso al costo del lavoro correlato all'assunzione di categorie di dipendenti che si ritiene necessitino di maggiore tutela.

08:39
Nuova Irpef con 3 aliquote

Arriva la nuova Irpef a tre aliquote. Per il 2024 gli scaglioni si riducono da quattro a tre, accorpando i primi due scaglioni con un'unica aliquota al 23%. Lo prevede la bozza in entrata del decreto legislativo di riforma fiscale atteso oggi in Consiglio dei ministri con la Manovra. Le nuove aliquote per scaglioni di reddito sono

  • fino a 28.000 euro, il 23%
  • oltre 28.000 euro e fino a 50.000 euro, il 35%
  • oltre 50.000 euro, il 43%

Inoltre si amplia fino a 8.500 euro la soglia di no tax area prevista per i redditi da lavoro dipendente che viene parificata a quella già vigente a favore dei pensionati.

08:25
Il Cdm ha approvato il disegno di legge di Bilancio

Il Consiglio dei ministri, riunitosi questa mattina, ha approvato il disegno di legge di bilancio. Lo si apprende da fonti di governo.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro