Un reparto Covid (Ansa)
Un reparto Covid (Ansa)

Roma, 27 luglio 2021 - L'ultimo decreto Covid del 23 luglio (qui il testo in Pdf), ha assegnato al tasso di occupazione delle terapie intensive e dei reparti Covid un ruolo preminente nell'assegnazione delle regioni nelle fasce colorate (dal bianco al rosso, qui i nuovi criteri) rispetto al parametro dell'incidenza settimanale dei casi ogni 100mila abitanti. Attualmente tutta l'Italia è in zona bianca, la fascia cioè che richiede un'incidenza inferiore a 50 casi per tre settimane consecutive e, se questa è superiore, o un tasso di occupazione uguale o inferiore al 15% per i reparti Covid o al10% per le terapie intesive.

Il bollettino Covid del 27 luglio

I contagi nel mondo: record a Tokyo

Le terapie intensive

Partiamo quindi dalle terapie intensive e vediamo gli ultimi dati aggiornati secondo la dashboard dell'Agenas (l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali). Dai dati si vede come tutte le regioni hanno finora un coefficiente lontano dalla soglia del 10%. Il coefficiente nazionale è ancora stabile al 2% ma in alcune regioni cresce e va tenuto monitorato con attenzione. Il dato più alto (parliamo di parcentuale di saturazione) è della Sardegna con 5%, Sicilia a Lazio sono a 4%. La Sardegna ad esempio ha visto passare il tasso dall'1% del 20 luglio al 5% attuale. A seguire la Sicilia con il 4% (il 20 luglio era al 3%, il 25 è salita al 5% per poi discendere al 4%) e il Lazio, sempre al 4%, (percentuale che era rimasta stabile per molti giorni al 3%, cresciuta ieri di un punto percentuale).

Abruzzo 0

Basilicata 0

Calabria 3

Campania 2

Emilia Romagna 1

Friuli Venezia Giulia 1

Lazio 4

Liguria 3

Lombardia 2

Marche 2

Molise 0

Provincia di Bolzano 0

Provincia di Trento 0

Piemonte 0,

Puglia 2

Sardegna 5

Sicilia 4

Toscana 3

Umbria 2

Val d'Aosta 0

Veneto 2

Green pass falsi: ecco come riconoscerli

I reparti ordinari Covid

Cresce invece di un punto percentuale il tasso nazionale dei reparti Covid (dal 2 al 3%) e sono Calabria, Campania e Sicilia, rispettivamente con il 6%, il 5% e il 7% sono le regioni che hanno una percentuale maggiore di posti letto occupati nei reparti ordinari. Queste le percentuali regione per regione.

Abruzzo 2

Basilicata 4

Calabria 6

Campania 5

Emilia Romagna 2

Friuli Venezia Giulia 1

Lazio 4

Liguria 2

Lombardia 2

Marche 2

Molise 1

Provincia di Bolzano 3

Provincia di Trento 1

Piemonte 1

Puglia 3

Sardegna 4

Sicilia 7

Toscana 2

Umbria 2

Val d'Aosta 1

Veneto 1

L'incidenza

Vediamo anche i dati aggiornati ad oggi (media mobile su 7 giorni) dell'incidenza. Sono sette le regioni (Sardegna, Sicilia, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, Umbria,e Veneto) e che superano la soglia dei 50 casi: per loro decisivi saranno i dati di ricoveri e terapie intensive che, come abbiamo visto sopra, per ora le lasceranno in zona bianca.

Abruzzo 29

Basilicata 2

Calabria 31

Campania 33

Emilia Romagna 66

Friuli Venezia Giulia 27

Lazio 87

Liguria 82

Lombardia 34

Marche 38

Molise 19

Provincia di Bolzano 28

Provincia di Trento 47

Piemonte 20

Puglia 22

Sardegna 108

Sicilia 77

Toscana 75

Umbria 63

Val d'Aosta 25

Veneto 83