Roma, 13 febbraio 2021 - Toscana, Liguria, Abruzzo e la provincia di Trento passano in zona arancione a partire da domenica 14 febbraio. La Sicilia torna in zona gialla. Resta in arancione l'Umbria (ma con tante micro zone rosse). La provincia di Bolzano formalmente è in zona arancione ma di fatto in zona rossa per un'ordinanza regionale che impone un severo lockdown fino al 28 febbraio. Sono queste le decisioni prese ieri (ecco le novità) in base ai dati del monitoraggio sul Covid (qui il bollettino del 15 febbraio) dell'Istituto superiore di Sanità. Intanto, lo ricordiamo, il governo uscente ha deciso di prorogare il divieto di spostamenti tra le regioni fino a giovedì 25 febbraio

Aggiornamento 17 febbraio: Colori regioni, Emilia Romagna verso l'arancione. Lombardia in bilico

Covid, i dati del 19 febbraio

L'ordinanza in Pdf

Vediamo, dunque, con questa guida quali sono le regole e i divieti della zona arancione: ecco cosa si può (e non) fare.

Ecco dove si può andare a sciare

Zona arancione / Spostamenti

Spostamenti fuori dal comune: in zona arancione ci si può spostare all'interno del proprio comune di residenza, ma non è consentito spostarsi al di fuori di esso. Si può uscire dal comune solo per questi motivi: lavoro, salute, urgenza, visita ad amici e parenti (si veda il punto relativo sotto), seconde case (si veda il punto relativo sotto), attività sportiva (si veda il punto relativo sotto).

Spostamenti fuori dalla regione: gli spostamenti fuori dalla regione sono vietati fino a giovedì 25 febbraio 2021. Tranne per i seguenti motivi: lavoro, urgenza, salute, spostamenti verso le seconde case (si veda sotto nel dettaglio). 

Visite ad amici e parenti: in zona arancione, per far visita a parenti e amici ci si può spostare solo dentro il proprio comune. E con le seguenti regole: una sola volta al giorno, dalle 05 alle 22 (ovvero nelle ore in cui non vige il coprifuoco), ci si può spostare al massimo in due (non rientrano nel calcolo minori di 14 anni e disabili). Dopo la visita comunque si può tornare a casa perché il rientro verso il proprio domicilio, abitazione, residenza è sempre consentito (entro le ore 22).

Seconde case: in zona arancione si può andare nelle seconde case. Anche se queste si trovano fuori dalla propria regione. Ma seguendo queste regole: solo il nucleo famigliare può spostarsi (non un gruppo o una coppia di amici). E l'atto di proprietà e il contratto d'affitto della seconda casa deve essere antecedente al 14 gennaio 2021 (sono così esclusi gli affitti brevi). 

Le altre regole

Bar e ristoranti: le attività di ristorazione - bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie - sono aperti ma solo per le consegne a domicilio e il servizio di asporto. Attenzione però: ai bar è consentito l'asporto fino alle ore 18. 

Negozi aperti: i negozi al dettaglio sono tutti aperti, mentre i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi. All'interno dei centri commerciali, comunque, rimangono aperti anche nei giorni festivi e prefestivi edicole, farmacie, parafarmacie, tabaccai. 

Sport, attività fisica, passeggiate: in zona arancione è consentito svolgere attività sportiva solo all'interno del proprio comune. Con le seguenti regole: da soli, all'aperto e vicino casa. Si può uscire dal proprio comune (ma si deve rimanere all'interno della propria regione) per fare attività fisica solo qualora non sia possibile farla nel proprio comune. Ad esempio, se nel mio comune non c'è un campo da tennis, posso uscire e andare in un altro comune limitrofo che ce l'ha. Rimangono chiuse palestre e piscine.