Una somministrazione del vaccino Pfizer (Ansa)
Una somministrazione del vaccino Pfizer (Ansa)

Roma, 12 maggio 2021 - La somministrazione della seconda dose del vaccino anti-Covid Pfizer può avvenire entro 42 giorni dall'inoculazione della prima dose senza causare problemi. Dopo le polemiche di ieri, che avevano visto Pfizer bocciare l'allungamento a cinque settimane della finestra per questo tipo di iniezione e chiedere di attenersi a quello che è emerso dagli studi scientifici che ne hanno permesso l'autorizzazione (seconda dose a 21 giorni dalla prima), oggi è arrivato l'intervento di Ema. Attraverso Marco Cavaleri, responsabile della strategia dei vaccini dell'agenzia europea per i medicinali, ecco il chiarimento sul tema delle tempistiche delle seconde dosi.

Covid, il bollettino del 13 maggio

Nonostante "la raccomandazione nelle informazioni del prodotto parlino di un intervallo di tre settimane" fra le due somministrazioni del vaccino Pfzier "perché è ciò che è stato studiato nei test clinici", non sarebbe "un grosso problema" somministrare le seconde dosi entro 42 giorni dalla prima. Questo il discorso di Cavaleri che ha sottolineato: "Nei test clinici la seconda dose era autorizzata in una finestra fino a 42 giorni e in alcuni casi il richiamo è stato fatto oltre le tre settimane e nell'intervallo, ovviamente, dei 42 giorni - ha aggiunto Cavaleri -. Un intervallo prolungato fino a 42 giorni non sarebbe una deviazione dalla raccomandazione e non verrebbe considerato come un uso del vaccino fuori dalle condizioni autorizzate. Certamente, se la proposta è andare oltre 42 giorni, sarebbe contro la raccomandazione".

Vaccini Covid, Figliuolo: "Via alla prenotazione degli over 40"

La nota di Pfizer

Oggi anche Pfizer ha diffuso una nota sull'argomento delle somministrazioni delle seconde dosi, sottolineando come non sia "in discussione il piano vaccinale, l'azienda si limita a riportare quanto emerso dagli studi registrati. Le raccomandazioni sui regimi di dosaggio alternativi sono di competenza delle autorità sanitarie e possono includere raccomandazioni dovute a principi di salute pubblica".

"L'azienda non può discostarsi da quanto approvato dalle autorità regolatorie - ha detto Valentina Marino, direttore medico di Pfizer Italia -, questo però non toglie e non può escludere assolutamente che le autorità sanitarie possono raccomandare dosaggi alternativi per motivi di sanità pubblica. L'obiettivo comune è sconfiggere il coronavirus, le aziende mediche forniscono i propri dati, ma le decisioni finali rimangono alle autorità sanitarie". Marino ha anche fornito un aggiornamento sulle modalità di conservazione del vaccino: "Abbiamo sottomesso ad Ema la possibilità di conservare il vaccino tra 2 e 8 gradi per un mese una volta uscito dal box di conservazione in cui è trasportato". In autunno poi , ha aggiunto Marino, potrebbero arrivare i dati sulla fascia di età 12-15 anni: "I dati sono molto promettenti, con efficacia del 100%, e una copertura superiore alle fasce più alte".

Locatelli: "Seconda dose Pfizer entro 42 giorni"

In merito allo slittamento a 42 giorni della somministrazione tra la prima e la seconda dose del vaccino Pfizer, ha parlato anche Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità: "L'intervallo tra la prima e la seconda somministrazione prolungato alla sesta settimana, quindi ai 42 giorni, non inficia minimamente l'efficacia dell'immunizzazione e ci permette di somministrare molte più dosi di vaccino".