Venerdì 19 Luglio 2024

Stupro Palermo, un altro avvocato rinuncia alla difesa di uno degli indagati (che resta in carcere)

E’ la seconda volta che Christian Maronia cambia legale. Respinta richiesta di scarcerazione. La 19enne trasferita in una comunità protetta fuori città

Palermo, 30 agosto 2023 – Il tribunale del Riesame di Palermo ha rigettato la richiesta di scarcerazione di Christian Maronia, uno dei sette indagati per lo stupro di gruppo della 19enne, violentata al Foro Italico a luglio e da ieri trasferita in una comunità protetta fuori città dopo gli ennesimi attacchi degli haters.

Il ventenne dunque resta in carcere, mentre un altro legale ha rinunciato al mandato difensivo. 

Approfondisci:

La ragazza stuprata a Palermo: “Mi state portando alla morte”. Trasferita in comunità protetta fuori città

La ragazza stuprata a Palermo: “Mi state portando alla morte”. Trasferita in comunità protetta fuori città
Approfondisci:

Enna, 17enne denuncia stupro: “Violentata da un artigiano”

Enna, 17enne denuncia stupro: “Violentata da un artigiano”

Al posto di Alessandro Musso è subentrato un altro avvocato che ha discusso l'istanza davanti al collegio. Dietro alla rinuncia ci sarebbe il venir meno del rapporto di fiducia con l'assistito che avrebbe nominato un nuovo difensore senza avvertirlo. Non è però la prima volta che Maronia cambia legale. Il primo contattato dai familiari dell'indagato, in carcere dai primi di agosto, ha dato forfait praticamente subito.

Oggi il ragazzo non era presente in aula, mentre, comparso davanti al gip per l'interrogatorio di garanzia, in lacrime si era difeso sostenendo che la vittima fosse consenziente.

Sono state respinte, nelle scorse settimane, anche le istanze di revoca della misura cautelare presentate da tre coindagati: Angelo Flores, Gabriele Di Trapani e Christian Barone ed è tornato in cella a pochi giorni dalla revoca della misura da parte del gip l'unico minorenne accusato dello stupro. Appena lasciato il carcere ha pubblicato una serie di post in cui si vantava di quanto aveva fatto: una condotta che ha spinto il magistrato a riarrestarlo. Il Riesame, infine, discuterà agli inizi di settembre le richieste di scarcerazione degli ultimi due accusati: Samuele La Grassa ed Elio Arnao.