Milano, controlli per gli spostamenti (Ansa)
Milano, controlli per gli spostamenti (Ansa)

Roma, 18 dicembre 2020 - Il nodo degli spostamenti tra regioni e tra comuni - vietati salvi comprovate esigenze, secondo l'ultimo Dpcm, dal 21 dicembre al 6 gennaio - continua a preoccupare gli italiani e ha provocato la rivolta dei governatori (in molti hanno giudicato la misura iniqua). Ma, in attesa del Dpcm Natale, che detterà nuove restrizioni in vista della feste, cosa si può fare fino al 20 dicembre (compreso)? Mi posso spostare da una regione all'altra? E posso andare nella seconda casa? Vediamo cos'è consentito nell'ultimo weekend libero, che parte domani.

Il bollettino Covid del 18 dicembre

Covid, lockdown di Natale: solito braccio di ferro

Da domenica cambi di colore

Da domenica 20 dicembre dovrebbero cambiare colore diverse regioni. Toscana, Valle D'Aosta, Campania e la provincia autonoma di Bolzano dovrebbero, infatti, passare in zona gialla e quindi adottare minori restrizioni per contenere la pandemia di Covid-19. Questo sembra però che sarà valido solo per pochi giorni, visto che si profila la zona rossa, per alcuni giorni, e arancione, per gli altri, a livello nazionale nei giorni intorno a Natale e Capodanno.

Abruzzo resta la sola in arancione

Solo l'Abruzzo, da domenica, sarà l'unica regione d'Italia a rimanere in zona arancione. Il ministro Speranza, infatti, non firmerà nuove ordinanze e se per alcune regioni quella scadenza è fissata a domenica, quando avverrà il passaggio in zona gialla, per l'Abruzzo il provvedimento sarà in vigore fino al 26 dicembre. 

Spostamenti tra Regioni e Comuni

Fino a lunedì ci si potrà spostare all'interno della propria regione, da una regione all'altra e fra comuni diversi, sempre se in zona gialla. Restrebbero infatti vietati gli spostamenti verso regioni arancioni e rosse. Ma dal 21 dicembre stop alla mobilità: non sarà infatti più consentito spostarsi fuori regione nemmeno in zona gialla, senza un valido motivo, ovvero per lavoro, necessità o urgenza. 

I tempi e quando parlerà Conte: ore decisive

Trasferimenti nelle seconde case

Quello che parte domani sarà l’ultimo weekend utile per chi (da una regione gialla a un’altra) vuole trasferirsi nella propria seconda casa (se in zona gialla), senza violare alcuna legge. L’ala rigorista del governo, che chiedeva di anticipare l’implementazione di una maxi zona rossa su tutta l’Italia, è stata sconfitta, nonostante le forti preoccupazioni per una lunga serie di 'tutto esaurito’ sui treni e sugli aerei in partenza dal Nord verso il Sud. 

Rientro al domicilio, abitazione o residenza

Come prevede l'ultimo Dpcm, è "sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza": si può andare quindi a trovare una persona cara e passare con lei i giorni di Natale, per poi rientrare liberamente nel Comune di residenza il giorno di Santo Stefano. Il premier Giuseppe Conte aveva precisato che la possibilità di rientrare nel luogo dove si abita con continuità "permetterà il ricongiungimento alle coppie lontane e distanti per motivi di lavoro ma che convivono con una certa periodicità nella stessa abitazione". Un ragionamento che ha preoccupato diversi governatori.