Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
18 dic 2020

Covid, lockdown di Natale: solito braccio di ferro. Il Veneto ha paura e anticipa blocco

Governatori divisi sulla zona rossa diffusa, Fontana e Toti chiedono maggiore elasticità. Zaia vieta di uscire dai Comuni dopo le 14. Ma Boccia avverte: "Queste feste sono più pericolose di Ferragosto, dobbiamo resistere fino all’arrivo del vaccino"

18 dic 2020
elena g. polidori
Cronaca
Shopping a Milano. L’obiettivo del governo con un calendario di divieti variabile. è quello di non deprimere i consumi
Shopping a Milano. L’obiettivo del governo con un calendario di divieti variabile. è quello di non deprimere i consumi
Shopping a Milano. L’obiettivo del governo con un calendario di divieti variabile. è quello di non deprimere i consumi
Shopping a Milano. L’obiettivo del governo con un calendario di divieti variabile. è quello di non deprimere i consumi

Il decreto può attendere. Il governo si prende ancora un po’ di tempo per decidere le misure per quello che ormai è stato ribattezzato il lockdown di Natale. Ed è un tempo non solo tecnico (ieri Conte era in Libia per risolvere il caso dei pescatori sequestrati) ma anche ‘politico’, visto che non solo Matteo Renzi ha scelto di buttare sul tavolo della verifica anche il dossier Natale, ma anche per il fatto che i governatori sono divisi su molti fronti. Dpcm Natale, Italia zona rossa: il calendario con regole e divieti Mentre Luca Zaia, vista la situazione complessa che sta vivendo il Veneto con l’aumento dei contagi, ha deciso di ‘anticipare’ le misure, chiudendo tutto dal 19 dicembre al 7 gennaio e vietando gli spostamenti tra comuni dopo le 14, altri come il governatore ligure, Giovanni Toti, chiedono invece una maggiore elasticità per non uccidere l’economia anche sotto l’albero, così come il governatore lombardo, Attilio Fontana: "Abbiamo dei buoni numeri – ha commentato – quindi ci possiamo permettere di non restringere ulteriormente". A remare contro gli ‘aperturisti’ le pressioni del Cts, che chiede chiusure per evitare la possibile terza ondata, ma anche quelle di ben tre ministri (Boccia, Speranza e Franceschini) che non ne vogliono sapere di "mollare adesso" a un passo dall’arrivo del vaccino. Natale "è più rischioso di Ferragosto", sostiene il ministro Boccia, perché oggi "l’Rt è più alto di quando l’Italia uscì dal lockdown a maggio. C’è bisogno di nuove misure restrittive su tutto il territorio nazionale" per le quali "serve unità tra Stato, Regioni ed Enti locali". D’altra parte anche Antonio Decaro, a nome dei Comuni, e Michele De Pasquale (presidente dell’Unione delle Province) sostengono la nuova stretta, soprattutto nei giorni di vigilia. Una situazione, dunque, ancora fluida, dove – alla fine – le strade ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?